Verona, Barak: “Dobbiamo pensare solo alla Roma, non c’è altro”

Antonin Barak è uno dei protagonisti di questa prima parte di campionato dell’Hellas Verona. Il centrocampista di Juric, in vista della sfida contro la Roma, ha rilasciato un’intervista a Sky Sport. Queste le sue parole:

Le sue ambizioni?
Mi piace vincere e voglio vincere qualche trofeo in futuro. Voglio giocare in Champions, in Serie A e in Premier League. Voglio avere ambizione e posso dire che punto allo scudetto, nel calcio non si sa mai. Fino ad ora è andati tutto bene ma senza lavoro o umiltà non si va da nessuna parte.

Gli allenatori?
Mio padre è stato il mio primo allenatore quando avevo 4 anni, mi portava al campo e mi guardava sempre. Mi ha aiutato molto ed è sempre stato duro, più di Juric, che ci fa correre tanto. Il mister ci dice sempre di giocare secondo le nostre possibilità, senza umiltà non si vince.

Quali sono gli obiettivi in questa stagione?
Il nostro primo obiettivo è la salvezza, poi vedremo dove arriveremo. Dobbiamo pensare solo a una partita alla volta, ora c’è la Roma, poi non c’è altro.

Il gol più bello?
Quello del 2-1 al Benevento.

Qual è il suo valore?
Posso dire di essere forte ma in tanti hanno talento, se voglio diventare sempre più forte devo migliorare qui.

Chi spunterà nella lotta scudetto?
Lo scudetto secondo me è tra Milan e Inter e vedo i nerazzurri favoriti, per la rosa profonda.

Ha altre passioni?
Di altri sport ho sempre seguito Federer e la Formula 1, con Hamilton e Ricciardo. La Ferrari non va bene.

Un sogno?
 Vincere il Mondiale con la Repubblica Ceca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A