Il Tornatora

Tor di Valle, il sì spacca la maggioranza M5S: «Ancora troppi dubbi»

di Redazione

Hanno ripercorso tutto l’iter del progetto nella riunione notturna di ieri. Ma nonostante la pubblicazione del parere del Politecnico, il malessere rimane. «Perché è stata aperta la conferenza dei servizi?», ha rimpianto più di uno. «No, c’è un’inchiesta della magistratura su quel progetto, aspettiamo di sentire cosa dicono i giudici oltre ai professori di Torino», taglia corto il presidente della Commissione Bilancio Marco Terranova che ieri ha disertato la riunione. «Abbiamo bisogno di capire, di leggere il parere», ha detto invece Gemma Guerrini. Ci sono solo i fedelissimi di Raggi, e tra questi solo i convintissimi: Francesco Ardu, Pietro Calabrese e l’assessore allo Sport Daniele Frongia. Assenti Linda Meleo e Margherita Gatta. Sul progetto di Tor di Valle parla la sindaca, questo è il leit motiv. Ieri ci ha pensato il vicesindaco Luca Bergamo a prendere sottobraccio e a portare via Luca Montuori lontano dai taccuini. «Avete già avuto un profluvio di dichiarazioni sullo stadio… », ha balbettato il delegato all’Urbanistica dimentico del fatto che su quello stadio è saltata la poltrona del suo predecessore Paolo Berdini, che c’è un’inchiesta aperta e una variante tutta da disegnare sopra una mappa che si colora di rosso “catastrofico”. Lo riporta Il Messaggero.