Stadio della Roma, revoca pubblico interesse Tor di Valle: manca il numero legale. Domani la seconda convocazione alle ore 14

Ancora un clamoroso buco nell’acqua per la revoca del pubblico interesse al progetto di Tor di Valle. Anche oggi, in Aula Giulio Cesare durante l’Assemblea Capitolina, è mancato il numero legale per votare. Sono stati fatti diversi appelli, ma in nessuno di questi c’erano abbastanza consiglieri. All’ultimo, fatto alle ore 18.18, soltanto 6 i presenti con ben 42 assenti tra cui il Sindaco Virginia Raggi. Si riprenderà in seconda convocazione domani alle ore 14.

Mercato, Xhaka con la Roma in Portogallo: l’accordo con l’Arsenal è praticamente fatto

Prima, però, sono intervenuto Luca Montuori e Crisitna Grancio. Queste le parole dell’assessore all’Urbanistica: “Questa delibera è stata discussa in moltissime commissioni e illustrata in più occasioni. L’area di Tor di valle è stata sotto i riflettori non solo negli ultimi quattro anni, ricordo che i primi progetti di Parnasi datano 2011 quando si doveva realizzare la ‘Città dell’acqua’ e tra le le opere pubbliche, guarda caso, c’era il ponte di Traiano e altre poi trasportate nel progetto stadio. Dopo oltre 50 incontri si è arrivati alla stesura finale della convenzione, consegnata brevi manu ai proponenti che sono stati più volte invitati alla sottoscrizione della stessa, a fornire gli atti propedeutici e la dimostrazione delle caratteristiche oggettive e soggettive necessarie alla sottoscrizione degli atti e la presentazione degli atti d’obbligo. Cosa che non è mai avvenuta, tanto che a un certo punto l’amministrazione ha scritto avviando un procedimento di revoca dell’interesse non presentandosi le necessarie garanzie e gli atti richiesti. Si era dato un tempo limite, anche prorogato in più occasioni, fino a quando il 9 aprile 2021 è pervenuta la nota a questa amministrazione con cui l’AS Roma rinunciava all’opera sostenendo che non era più interessata. Ai sensi degli articoli 304 e 305 della legge 147/2013 (la cosiddetta legge sugli stadi, ndr), di fatto a oggi vengono meno i presupposti stessi che avevano portato alla stesura del complesso atto di variante che ancora oggi giace all’interno delle procedure dipartimento Urbanistica e ha comunque bisogno di un esito, non può rimanere appeso. Venendo meno quello che è uno dei presupposti di legittimità e di presentazione dello studio di fattibilità e quindi della possibilità di presentare il progetto, la delibera che oggi sottoponiamo all’Assemblea capitolina recepisce quest’impossibilità di proseguire nel percorso e attraverso l’istituto dell’autotutela definisce tutti gli effetti successivi che poi dovranno essere trasmessi alla Regione Lazio, prende atto di tutto ciò e propone di riportare lo stato urbanistico dell’area a quello precedente a tutta questa vicenda, dopo 10 anni e diversi tentativi di trasformazione. Con questa delibera si propone di tornare sul tema della pubblica utilità per revocarne gli effetti attraverso l’autotutela e in caso permettere nuove progettualità sull’area ma che non possono essere connesse al sistema delle norme e degli atti che oggi sottendono lo stesso procedimento“. Non sono intervenuti i prenotati De Priamo, Pelonzi, Fassina.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti