Roma-Sassuolo 3-4, la moviola dei quotidiani: Berardi provoca Kumbulla, il Var Pairetto cosa ha fatto vedere a Fabbri?

Pagine Romaniste – Vedi Fabbri e sono polemiche. Lascia, come sempre, diversi episodi su cui dibattere la direzione dell’arbitro emiliano. Andando con ordine, non convince la scelta di ammonire Smalling. Il capitano odierno della Roma tocca con il braccio il pallone, ma non appare la volontarietà. A far storcere il naso è soprattutto la difformità: per un episodio successivo di Henrique.

Si arriva dunque all’episodio spartiacque. Siamo a fine primo tempo, c’è una mischia in area tra Rui Patricio, Kumbulla e Berardi: il difensore e l’attaccante restano intrecciati, con quest’ultimo che accenna un calcio al romanista, il quale poi lo colpisce con forza. Fabbri va al Var: non può far altro che decretare il rigore ed estrarre il rosso per il difensore albanese.

Ad inizio ripresa, arriva il giallo per Matic. Il serbo viene ammonito dopo un intervento in tackle a campo aperto su Frattesi: decisione dubbiosa, visto che la palla viene comunque colpita. Segue l’espulsione di Cerra, match analyst della Roma. Mancano diversi fischi, evidenzianti prontamente dall’Olimpico, che resta sull’attenti.

LA MOVIOLA DEI QUOTIDIANI

Corriere dello Sport (D. Cervellati) – Non è chiaro quali immagini abbiano mostrato a Fabbri quando lo hanno chiamato all’on field review nel recupero del primo tempo, perché se sul calcio di reazione rifilato da Kumbulla a Berardi non ci sono dubbi, ne restano molti sul movimento del piede sinistro dell’attaccante del Sassuolo che va a stuzzicare e provocare l’avversario.

Chissà se lo hanno giudicato ininfluente già dalla sala Var. Perché se l’arbitro di Ravenna l’avesse visto e avesse sanzionato quel gesto di Berardi avrebbe in ogni caso espulso il giallorosso, ma non avrebbe assegnato il calcio di rigore perché il primo fallo, quello da punire tecnicamente, lo avrebbe commesso l’attaccante.

I padroni di casa hanno protestato per l’ammonizione sul fatto di mano di Smalling. Ma la decisione dell’arbitro è giusta poiché il tocco col braccio ha interrotto un’azione promettente degli avversari, cosa che non è successa pochi minuti dopo a parti inverse: corretto fischia punizione contro Henrique, senza però ammonirlo visto che non è stata interrotta nessuna azione. Voto: 5,5.

La Gazzetta dello Sport (M. Della Vite) – Sul risultato di 1-2, ecco l’episodio che fa discutere di più al 45’ del primo tempo: pallone profondo in area, arrivano a contatto Rui Patricio e Berardi in scivolata, l’attaccante del Sassuolo e Kumbulla si intrecciano, Fabbri non fischia a palla ancora in gioco (nelle mani del portiere). Il direttore di gara viene richiamato da Pairetto (Var) perché Kumbulla ha rifilato un calcio a Berardi che, poco prima, aveva (con malizia? Per provocazione?) stuzzicato il difendente giallorosso alzando il piede. Gesto non ritenuto sanzionabile da Fabbri, al contrario del colpo più grave di Kumbullla: rigore e rosso inequivocabile.  Voto: 5.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti