Diciamo una cosa: i tifosi giallorossi non sono indifferenti al periodo positivo della Lazio. Per questo sperano che l’arrivo di Friedkin riporti la chiesa al centro del villaggio, per dimenticare l’ultima fase della gestione Pallotta. L’impressione è che la gestione del magnate texano segnerà una vera e propria rivoluzione, seppur graduale. In primis si dovranno attendere i consueti tempi per la conclusione della trattativa. Fonti legali assicurano che Ryan Friedkin (che sarà l’uomo operativo della capitale) stia già studiando la possibilità che la Roma acceda al programma del “voluntary agreement”, ovvero il programma che consente ai nuovi proprietari di sforare più dei 30 milioni previsti nel triennio. Uno sviluppo del genere porterebbe sicuramente una ristrutturazione, e tra i nomi che si fanno c’è quello di Gandini, ex ad giallorosso. Si parla anche di un possibile addio di Petrachi, e in quel caso i nomi in pole sono Barta, Paratici e Faggiano, quest’ultimo il più probabile però. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.