Il Tornatora

Pastore: “Il mio stile di gioco o lo ami o lo odi. Se non sto bene fisicamente è facile insultarmi, passo da peggiore a migliore in un attimo”

di Redazione

Javier Pastore, calciatore della Roma, ha rilasciato un’intervista a France Football. Queste le sue parole:

Sulle sue caratteristiche, tipiche dei vecchi “numeri 10″…
Molte persone me lo dicono. Anche mio padre. Quando parliamo, mi dice: “Se avessi giocato in quel tempo, saresti stato il migliore. Ho visto partite di quei tempi. Il gioco era molto più lento, si lavorava meno sulla tattica in determinati momenti delle partite. C’era più qualità tecnica nei giocatori. Era più importante, e non necessariamente la loro prestanza fisica o il numero di chilometri che correvano.

Sulle statistiche…
Sai, a volte puoi avere il 99% di passaggi riusciti, ma nessuno crea un’occasione gol. Ho parlato molto con coloro che si sono occupati delle statistiche del PSG. Abbiamo discusso della questione. Volevano a tutti i costi  aumentare il mio rapporto di passaggi riusciti.

Sul suo stile di gioco…
Il mio stile di gioco, o ti piace o lo odi. È così. E quando non mi sento bene fisicamente non gioco bene, ed è più facile insultarmi. È ovvio, non posso nascondermi. Al contrario, quando tutto va bene, tutto scorre liscio. Posso passare dal peggior giocatore al migliore in pochi istanti.

Alcuni dicono che tu sia lento nel gioco…
La gente non capisce che far andare la palla veloce rende un calciatore veloce alla fine, giusto? La velocità di gioco non sta solo nella corsa. È soprattutto accelerare il gioco. Puoi essere il ragazzo più veloce del mondo ma se non sai cosa fare con la palla alla fine sei un giocatore lento che rallenta la sua squadra.