Il Tornatora

Monchi a duello con Sabatini per Schick

di Redazione

Il Messaggero (S.Carina) Roma alla finestra. Sia per Schick che per Mahrez, non tralasciando le opzioni di scorta legate a Cuadrado (per il quale però la Juventus chiede ancora di inserire Strootman) e Munir. Se per l’attaccante ceco bisogna attendere il passo indietro dell’Inter (che ha definito da tempo l’operazione nei costi, meno sulla formula da adottare) per gli altri tre è una mera questione di prezzo con domande e offerte che non collimano.

È chiaro che l’incontro andato in scena sabato mattina tra Monchi (che ieri ha tolto ufficialmente Manolas dal mercato) e il ds blucerchiato Pradè alimenta in queste ore la volata per Schick. Perché l’Inter con la limitazione degli investimenti all’estero non essenziali, predisposta dal governo cinese, che blocca di conseguenza il gruppo Suning sta facendo più fatica del previsto a racimolare i soldi richiesti dalla Sampdoria ed ora è arrivata a un bivio: o riesce a cedere nei prossimi giorni uno tra Ranocchia, Brozovic, Jovetic e Santon, oppure dovrà convincere Ferrero, alzando ulteriormente la posta (ora è arrivata a 30,5 milioni), ad accettare la formula del prestito biennale con obbligo di riscatto. Monchi attende. La Roma la sua offerta l’ha fatta, consapevole di essere partita in ritardo. Se però l’Inter non riuscirà a chiudere, i giallorossi con il Napoli terzo incomodo e pronto a offrire Zapata saranno in pole per l’attaccante ceco.