Il Tornatora

L’ultimo rintocco è della Roma, Dzeko gela il Bologna al 94′

di Redazione

Dzeko fa esultare all’ultimo tocco della partita, un colpo di testa preciso e libero da ostacoli tre secondi dopo lo scadere dei tempi di recupero risolve una partita condotta ma non dominata contro un buon Bologna che si scalda per una punizione che fa partire l’azione della sconfitta. La Roma sta cambiando, ora riesce ad essere compatta e rischia meno, senza il mezzo passo falso al debutto col Genoa adesso sorriderebbe, accanto alla Juve e dietro l’Inter. La squadra ha tenuto il pallino del gioco e il baricentro alto come da copione ma la buona manovra non trovava terminali: Kluivert era l’ombra dell’ala imprevedibile vista contro il Sassuolo, Mkhitaryan ha fatto un passo indietro rispetto all’esordio e Dzeko trotterellava al centro senza grandi intuizioni. Kolarov invece era in gran giornata, nel primo round le uniche palle pericolose le ha sfornate lui, poi sblocca la partita su punizione. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.