Il Tornatora

La Roma torna in Champions League nella fiducia generale

di Redazione

Con la nuova stagione in arrivo, tante sono le squadre che si stanno già attrezzando attraverso una preparazione fisica adeguata per iniziare col piede giusto.Tra queste vi è l’As Roma, che si trova in questo momento in ritiro a Pinzolo, prima di tornare a Trigoria e poi recarsi in tournée negli Stati Uniti. Durante il periodo che trascorreranno negli States, gli uomini allenati dal nuovo tecnico Eusebio Di Francesco si troveranno di fronte ad avversari del calibro del Paris Saint Germain, del Tottenham e del Siviglia, in delle amichevoli che hanno il sapore di un aperitivo di Champions League, la competizione nella quale i giallorossi torneranno a partecipare dopo aver mancato la qualificazione l’estate scorsa nei preliminari contro il Porto. L’attesa dei tifosi di tornare a calcare i principali campi calcistici dell’Europa che conta è spasmodica e si riflette nell’entusiasmo degli stessi, che stanno già facendo la fila per il mini-abbonamento per la prossima Champions: 75 euro la curva, 95 i Distinti, 140 la tribuna Tevere e la Monte Mario sono i prezzi.

La fiducia dei tifosi nella squadra finita seconda in campionato l’anno scorso è palpabile, nonostante fino ad ora siano state più numerose le cessioni rispetto agli acquisti. Dopo l’arrivo del nuovo ds Monchi, che al Siviglia negli ultimi dieci anni aveva fatto ottime cose in quanto a scoperta di talenti e plusvalenze, a Trigoria in molti si aspettavano una serie di colpi, che però adesso non sono ancora arrivati. Per ora, infatti, il dirigente spagnolo ex portiere ha fatto notizia principalmente per le vendite, sicuramente ottime dal punto di vista economico, che però hanno sulla carta indebolito la squadra. I 105 milioni ricavati dalle cessioni di Salah al Liverpool, di Rudiger al Chelsea e di Paredes allo Zenit San Pietroburgo sono sicuramente un bottino importante, ma per ora devono ancora essere reinvestiti concretamente.

La Roma del dopo Francesco Totti, che si è ritirato alla fine dell’ultima partita dello scorso campionato, riparte quindi dalla scommessa Di Francesco, che vinse lo Scudetto con l’ex capitano nel 2000, ed è alla sua prima esperienza da allenatore in una piazza come Roma dopo aver fatto molto bene sulla panchina del Sassuolo. Ed è proprio dalla squadra emiliana che la Roma ha preso Lorenzo Pellegrini, promettente centrocampista che ha fatto un’ottima impressione nell’ultimo europeo under 21 agli ordini di Luigi di Biagio, anch’egli ex compagno di Totti. Insieme a Pellegrini sono arrivati gli altri due colpi firmati Monchi, ossia il centrale messicano Héctor Moreno dal PSV Eindhoven, il terzino Rick Karsdorp dal Feyenoord e il centrocampista francese Maxime Gonalons dal Lione. Si tratta di due innesti d’esperienza internazionale e validi, che sostituiranno rispettivamente Fazio e Paredes nelle rotazioni della squadra. Con alcuni obiettivi ancora da chiarire e con la questione dello stadio ancora da risolvere, è comunque importante il segnale dato dai tifosi che hanno già fatto capire che seguiranno con ardore la squadra in Champions League, una competizione che negli ultimi anni ha riservato soprattutto amarezze ma che è molto importante sia per una questione di prestigio sia per una questione di crescita economica nel lungo periodo, dati gli ingenti introiti che arrivano in seguito alla partecipazione alla fase a gruppi.

Tuttavia, con ancora un mese e mezzo di calciomercato che potrebbe stravolgere gli equilibri finora stabiliti, la Roma si prepara dunque a una stagione nella quale, almeno fino a dicembre, avrà il doppio impegno campionato – Champions League. Nella principale competizione calcistica per club d’Europa e del mondo si vedono i soliti nomi in qualità di favoriti per la vittoria finale, e la Roma non figura tra le favorite, dato che almeno per ora i bookmaker esperti pagherebbe una vittoria della Champions da parte dei giallorossi ben 101 volte la posta. Eppure è importante per Di Francesco e i suoi ben figurare e fare tesoro di nuove esperienze nel torneo più impegnativo. Mentre si attende il sorteggio di fine agosto, una volta terminato il terzo e ultimo turno preliminare, che definirà se la Roma finirà in terza o in quarta fascia, Monchi continua a lavorare per allestire la miglior squadra possibile. Dei possibili obiettivi di mercato sono, secondo le ultime voci, il trequartista spagnolo Suso, in forza al Milan, e il centrocampista francese del Nizza Seri, anche se entrambe le trattative si prospettano ardue. In questo modo Di Francesco avrà più alternative sia in attacco, dove ancora non è arrivato il sostituto di Salah, la principale arma offensiva dei giallorossi lo scorso anno, e in mezzo al campo, dove il capitano De Rossi e agli esperti Strootman e Nainggolan hanno comunque bisogno di importanti ricambi per tirare il fiato.

Il ritorno in Champions è sicuramente una buona notizia, ma nel tempo che resta fino alla fine del calciomercato Monchi deve rinforzare l’organico a disposizione di Di Francesco, perché fino a questo momento la squadra non si è rinforzata come ci si aspettava. Nonostante tutto, i tifosi, speranzosi, rispondono presente.