Il Tornatora

La Roma riparte dal centro

di Redazione

La rivoluzione della Roma parte da Napoli: Manolas raggiunge Ancelotti e ai giallorossi vanno 16 milioni cash più il cartellino di Diawara. Il classe 97 diventa così il primo capitolo del mercato in entrata targato Petrachi. Manolas è stato valutato 34 milioni, gli altri 2 previsti dalla clausola rescissoria vanno al difensore che prenderà 4 milioni netti per altrettante stagioni. La Roma è stata costretta al sacrificio del greco per esigenze di bilancio, ottenendo una plusvalenza di 29 milioni che però non basta a far quadrare i conti entro il 30 giugno, altri giocatori potrebbero salutare Trigoria i prossimi giorni: Dzeko, El Shaarawy, e uno tra Luca Pellegrini e Zaniolo. L’Inter ha aggiunto il cartellino di Vergani (attaccante classe 2001) ai 10 milioni offerti per il bosniaco. L’offerta dallo Shangai Shenhua è di 16 milioni netti l’anno al giocatore e 15 più 3 di bonus alla Roma. Con la Juve invece si stanno valutando più scenari, Higuain ha rifiutato la proposta di trasferirsi a Roma mentre Spinazzola e Perin sono disposti a parlare con i giallorossi, così come Luca Pellegrini e Zaniolo con la Juventus. Le plusvalenze servono ad entrambi i club perciò da qui al 30 giugno qualcosa potrebbe spostarsi sull’asse Trigoria-Vinovo. Oltre Diawara la Roma vuole un altro centrocampista e attende risposte da Veretout e Barella. Per la porta oltre a Perin piace Lopez del Betis e il sostituto di Manolas potrebbe essere Mancini. Marcano potrebbe tornare a Porto o andare a Valencia e il giovane portiere Romagnoli ha firmato con lo Spartak Mosca, che ha versato 2 milioni ai giallorossi. Lo scrive Il Tempo.