CAVANI-PSG1

LaStampa.it (M. Nerozzi) – Avviso ai lettori: la notizia verrà smentita, oggi e per settimane, come fu per l’arrivo di Evra, scritto e negato a maggio (e a luglio arrivò) o per la gita a Vinovo di Van Persie, ammessa dopo qualche mese. A primavera gli affari si fanno, ma non si dicono: è vietato, c’è gente sotto contratto. In ogni caso, ecco: la Juve s’è assicurata Edinson Cavani, 28 anni, attaccante del Psg. Fanno 45 milioni al club francese, e 5,5 milioni più ricchi premi e cotillon a stagione al giocatore, per cinque anni.

C’è solo una clausola: tutto salta senza la vendita di Paul Pogba. Il che non è detto, ma probabile: può darsi allo stesso Psg, e nel caso si tornerà a discutere anche la valutazione di Cavani, ma nulla in questo senso è ancora deciso, per il francese. L’affare s’è chiuso qualche giorno fa, quando a casa Juve hanno capito di avercela fatta, dopo una cena: «Abbiamo preso Cavani».

L’sms galeotto   Di questi tempi non si deve mai sapere nulla, è chiaro, perché c’è gente con un contratto e squadre che si stanno giocando la stagione. Dal Psg alla Juve: scudetto e Champions. Difatti, a precisa domanda, mercoledì sera così ha risposto Cavani: «Il mio futuro? Si parla troppo di me: io resto qui, rispetto il mio contratto e penso a fare bene al Psg». E cosa avrebbe dovuto dire, appena finita Psg-Barcellona? Ha un accordo che scade nel 2018, e siamo a cifre da favola: sui 7,5 milioni netti. Altre cose sono meno da favola: l’aver quasi sempre dovuto giocare praticamente ala, perché in centro ha casa Ibrahimovic, e la volontà del Psg di venderlo, per incassare soldi, da aggiungere ai circa 60 milioni di fondo cassa lasciati dal Financial Fair Play.

Non ingannino neanche i 64,5 milioni pagati due anni fa al Napoli, perché con gli ammortamenti, a giugno Cavani verrebbe iscritto a bilancio per 38,7 milioni. Dunque, una quotazione tra i 40 e i 45 milioni è di mercato, pure perché l’articolo resta per poche tasche, e ancor meno club: chi haCristiano Ronaldo o Suarez non se ne va per boutique alla ricerca di un centravanti. La Juve sì. L’affare sarebbe rimasto top secret non fosse stato per un sms spedito a un amico di ambienti juventini, qualche giorno più tardi: «Abbiamo preso Cavani. Tutto fatto: aspettiamo solo di vedere come andrà con Pogba».

Tevez, futuro da definire   Tra piani (Cavani), probabili cessioni (Llorente) e contrattempi (Tevez), a giugno la Juve potrebbe dover cambiare molti pezzi d’artiglieria. Già settimane fa, parlando in Argentina, Carlitos aveva espresso la volontà di non voler rinnovare con la Juve, poi di pensare a un ritorno al Boca prima del previsto: ovvero già quest’anno, anticipando la scadenza del contratto (giugno 2016). Dubbi confermati in un paio di interviste. Ragionamento quasi ufficiale della Juve: come per tutti i grandi campioni, contano gli stimoli, e se decidono di andarsene non puoi pensare di trattenerli. Postilla: «Ma è un discorso che faremo e affronteremo a giugno, non ora». Però è ragionevole pensarci: ergo, ecco la pista che porta a Paulo Dybala, anche se l’idea era di farlo arrivare tra un anno. Difficile, come ha detto ieri il suo manager Gustavo Mascardi: «Dybala lascerà Palermo quest’anno, ma non abbiamo ancora alcun accordo». A quello di Cavani manca solo la firma: anche perché, ad aprile, non si può mettere.