trigoria-allenamento-garcia-totti-ashley-cole

Nel corso di una cena, la Roma ha effettuato il patto scudetto. Come riporta oggi il corriere dello Sport, Garcia e i suoi giocatori si sono ritrovati tutti insieme. E’ stato chiesto agli organizzatori di segnalare una località caratteristica ed è stato bloccato un ristorante a Stegesbach che non ha potuto prendere altre prenotazioni. E’ stato raccolto l’invito di un ristoratore romano, Marco Gonini, che come un anno fa ha preparato la cena, con i cibi provenienti da Roma con un camion. Porchetta, arrosticini, Pata negra, mozzarella di bufala, frittata di zucchine. Infine la carne: fiorentine e costate di manzo danese, filetto di chianina, salsicce e dolci. Concesso qualche bicchiere di vino, ma sui tavoli soprattutto acqua e Coca Cola. Il pullman della squadra è partito alle 19 dall’albergo.

 

 
Garcia punta molto sulla compattezza del gruppo. Ha preteso, quando ha accettato di organizzare questa cena, di essere soltanto lui, i giocatori e i suoi collaboratori. Non c’erano i dirigenti presenti in ritiro, Baldissoni e Zanzi e non c’erano neppure i componenti dell’ufficio stampa. Come saranno soli quando si tratterà di fare sul serio, quando cominceranno le partite vere. Perché c’è una grande aspettativa nei confronti della Roma, anche da parte della società.Garcia e i giocatori sono consapevoli che i dirigenti si aspettano lo scudetto. Sanno che le responsabilità sono sulle loro spalle. Garcia e i giocatori sono sulla stessa barca e devono condurla in porto. Il francese ha portato la squadra a cena per trovarsi e guardarsi negli occhi. Con tutti i giocatori presenti, come forse non capiterà più nel corso della stagione. Anche per questo ha preteso che arrivasse pure Maicon. La cena di ieri è stato l’atto ufficiale di una stagione nella quale la Roma parte per essere protagonista. Garcia  ha ricordato che solo se riusciranno ad essere tutti uniti e compatti potranno arrivare lontano. 

 

Lo scorso anno in baita in pratica Garcia e i giocatori si conobbero e impararono a fidarsi e a stimarsi. Adesso c’è un anno di esperienza insieme alla spalle e bisogna alzare l’asticella, mettendo da parte interessi personali e pensare solo all’obiettivo finale. Questo ha chiesto Garcia ai giocatori e ha stretto idealmente il patto. I giocatori hanno assicurato che sono disposti a seguirlo, a dare tutto per la Roma. Tutti sanno, i vecchi e i nuovi, che quest’anno c’è la possibilità di vincere.