empoli-roma-giampaolo

La Gazzetta dello Sport (M.Cioni) – Tre sconfitte consecutive, 4 punti nelle ultime 8 gare, espulsioni e nervosismo. Cosa sta accadendo all’Empoli? Marco Giampaolo professa calma: «Non perdiamo la lucidità. Analizziamo il momento. Abbiamo perso contro la Roma, forse la squadra più in forma oggi in A. Non ho niente da rimproverare alla squadra, l’unica cosa che non mi è piaciuta è l’espulsione a gara praticamente terminata di Mario Rui. Lui è un “sangue caldo” e a me piacciono i giocatori di temperamento, ma dobbiamo saperci controllare e accettare le sconfitte». Il momento negativo? «Il momento è un po’ sfortunato e anche con la Roma abbiamo subito il terzo gol nel nostro momento migliore con un’inerzia buona. Insomma, stavamo raggiungendo il pareggio. Però fino al terzo gol abbiamo avuto una buona mentalità contro una squadra forte».

AVVERSARI – «La differenza fra noi e la Roma è evidente – ha aggiunto il tecnico dell’Empoli – i giallorossi hanno qualità e sono in salute. La Roma è una delle squadre più forti del campionato ed è rigenerata dalla cura di Spalletti. Noi continuiamo sulla nostra strada, ovvero quella del gioco: prima o poi la fortuna girerà e torneremo a vincere. L’importante è non perdere la fiducia, la squadra lo ha dimostrato». Sul nervosismo Giampaolo aggiunge: «La squadra lavora bene nell’arco della settimana, capitano momenti negativi, dobbiamo saper gestirli perché non siamo messi bene in difesa fra infortuni e la supersqualifica di Tonelli. A Genova mancheranno lui e Mario Rui. Insomma, sarebbe meglio evitare». La morale della favola: «Mi hanno sempre detto che si vince e si mette da parte, si perde e si fa la stessa cosa. Il problema è quando hai qualcosa da rimproverarti e contro una grande Roma, l’Empoli è uscito a testa alta».