Felipe Estrella: “De Rossi, Dzeko e Florenzi sono stati degli esempi. La convocazione in prima squadra? Non ci volevo credere”

L'attaccante della Roma Primavera tornerà al Ferroviaria al termine del prestito

di Redazione

L’esperienza alla Roma Primavera di Felipe Estrella è stata positiva nonostante il probabile mancato riscatto a fine stagione. Il giocatore infatti con ogni probabilità tornerà al Ferroviaria. Nel frattempo l’attaccante ha parlato ai microfoni di Grandes Liga, ricordando la convocazione in prima squadra e quelli che sono stati i suoi modelli in giallorosso. Queste le sue parole:

LEGGI ANCHE:
Luca Pellegrini: "La Roma è il passato, la Juve una rivincita. Sento ancora De Rossi, con Kolarov rapporto fantastico"

“Il mio adattamento a Roma è stato molto fluido. Ho avuto un buon allenatore e assistenti che mi hanno preparato bene. Per comunicare con i miei compagni ho usato un po ‘l’inglese con gli stranieri e più l’italiano con i connazionali. Le grandi differenze sono che il calcio italiano richiede più tecnica e qualità in campo, mentre in Brasile è maggiore velocità, abilità e forza fisica. Quali atleti mi hanno sorpreso di più? De Rossi, Dzeko e Florenzi: sono degli esempi che mostrano che bisogna usare il tempo per lavorare seriamente. Non per niente sono stati tre capitani della Roma. Ho buoni rapporti con Fuzato e Juan Jesus. Bruno Peres, che è tornato di recente, e Ibañez, che è arrivato a gennaio, li conosco poco e non ho avuto molto tempo per conoscerli meglio. Quando è arrivata la convocazione in prima squadra contro la Juventus non ci volevo credere (ride). Pochi giovani hanno questa opportunità che ho avuto, ma è stato il risultato del mio lavoro. È un momento molto difficile, sto lavorando duramente qui a casa e sarò pronto al mio ritorno. In modo che, la prossima stagione, possa giocare professionalmente insieme a grandi giocatori. È un momento di grande concentrazione. Il mio gol più bello? Quello contro il Chievo”.