Corriere dello Sport (R.Maida) – Oggi la ripresa degli allenamenti a Trigoria ha riportato i giocatori alla realtà dopo otto giorni di vacanza, cominciata subito dopo la dolorosa sconfitta contro l’Atalanta. Subito una doppia seduta, che è stata confermata anche per oggi. Di Francesco ha visto la squadra sotto tono nelle ultime partite e vuole recuperare un po’ di brillantezza a livello atletico. I giocatori sono stati sottoposti a vari test. I medici hanno fatto trapelare dati positivi, chi più e chi meno e questo è incoraggiante. Di Francesco ha avuto un lungo colloquio con i giocatori prima di riprendere gli allenamenti. Il tecnico ha fatto capire alla squadra che il momento è difficile e che tutti devono dare qualcosa in più. Dalla partita contro l’Inter andrà in campo solo chi sarà al cento per cento. Nessuno può sentirsi sicuro del posto. Questo il senso del discorso dell’allenatore, che ha chiamato in causa i giocatori di maggiore esperienza e personalità. Quando il gioco si fa duro i duri devono tirare fuori gli attributi… Il colloquio ha avuto toni alti, ma l’allenatore ha ricordato che no all’inizio di dicembre la Roma era considerata la squadra rivelazione, che raccoglieva elogi in Italia e in Europa. In certi passaggi l’allenatore ha alzato anche la voce. Ha chiesto ai giocatori di essere più cattivi e di mettere più grinta in campo. Un passaggio questo che aveva riservato in qualche occasione pubblicamente a Dzeko in passato.

VERSO L’INTER – Dopo otto giorni di vacanza la ripresa al centro tecnico si è consumata con pochi sorrisi. Da ieri Di Francesco ha cominciato a preparare la partita contro l’Inter. Al mattino i giocatori sono stati sottoposti al controllo del peso e a test fisici, poi una seduta atletica in palestra per il potenziamento muscolare e in ne sul campo. Nel pomeriggio lavoro tecnico-tattico. Dopo un torello di riscaldamento tutta la rosa è stata impegnata in una lunga fase tattica a tutto campo, con esercitazioni sulla circolazione del pallone e sugli schemi offensivi, per finire con un’esercitazione tecnico-tattica sul campo.

LE SCELTE – Per la sfida di domenica contro Spalletti, Di Francesco dovrà fare delle scelte. De Rossi e Defrel non sono ancora al cento per cento, i due giocatori verranno monitorati giorno per giorno. Il tecnico conta di avere il capitano, che era assente nella partita contro l’Atalanta. La sua presenza in questo momento è considerata importante per dare equilibrio alla squadra. Gonalons ha spesso deluso quando è stato utilizzato al suo posto. In attacco l’esperimento di mettere Schick nel 4-3-3 con Dzeko per il momento sarà accantonato. Il tecnico andrà avanti con il suo modulo preferito e l’ex sampdoriano partirà dalla panchina. La novità per Milano riguarda Florenzi. Di Francesco sta valutando la possibilità di riportarlo più avanti, in attacco, inserendo Bruno Peres, che all’inizio della stagione aveva mostrato progressi anche in fase offensiva. In questo modo nel tridente l’attaccante a sinistra sarà uno tra Perotti ed El Shaarawy, con l’argentino favorito. A centrocampo torna di sicuro Nainggolan, al centro di voci di mercato, ma la scorsa settimana a Firenze Di Francesco aveva già annunciato il suo ritorno dal primo minuto, dopo l’esclusione contro l’Atalanta per il video di Capodanno. Per tutta la settimana sarà in piedi il ballottaggio tra Pellegrini e Strootman, con il primo in vantaggio perché è apparso più brillante nelle ultime partite.