Pagine Romaniste (L.Fantoni) – Tre gol per rimettere sulla retta via il discorso qualificazione, tre gol per togliere un po’ di quella sicurezza che Okan Buruk aveva mostrato in conferenza stampa, tre gol per far abbassare la cresta a quei tifosi che hanno sfregiato Lorenzo Pellegrini. È lui il vero protagonista della serata, con altri due assist che si vanno a sommare ai cinque già realizzati in Serie A. Catalizzatore di una Roma brillante, spumeggiante che sembra aver trovato la chimica giusta in campo. Con il ritorno di tutti i giocatori infortunati la squadra di Fonseca ha davanti a se grandi margini di miglioramento.

ROMA

PAU LOPEZ: 6 Serata di totale riposo per lo spagnolo. Nell’unica volta in cui è chiamato in causa, Mancini gli ruba il lavoro e para il tiro di Crivelli. Spettatore non pagante.

SANTON: 6 Non fa rimpiangere Florenzi, Spinazzola o chiunque sia il titolare sulla destra. Dalla sua parte il Basaksehir non spinge molto e l’italiano può spingere più del solito sulla fascia, allargando la difesa dei turchi e permettendo ai suoi centrocampisti di inserirsi negli spazi.

SMALLING: 6 L’umile inglese questa volta lascia la scena agli attaccanti. Non segna, non fa assist ma fa il suo lavoro, difende. I turchi non lo impensieriscono più di tanto ma l’ex United risponde sempre presente quando c’è bisogno.

MANCINI: 6.5 Stavolta non segna un gol ma è come se lo facesse. Nel primo tempo salva una conclusione a botta sicura di Crivelli quando il risultato era ancora sullo 0-0.

KOLAROV: 6.5 Costretto all’ammonizione dopo un passaggio sbagliato di Diawara, non ne risente eccessivamente riuscendo a controllare il vivace Visca sulla destra. Da una sua apertura per Pellegrini nasce il 2-0 di Kluivert.

DIAWARA: 6.5 Preciso, tranquillo e sicuro. Questo Diawara può dare una grandissima mano alla Roma. Sbaglia un solo passaggio nel primo tempo

VERETOUT: 7 Superare Kolarov nella gerarchia dei rigoristi significa che questo fondamentale è uno dei tuoi punti di forza. Vale sicuramente per Jordan Veretout che abbina un tiro dagli undici metri praticamente perfetto ad una partita di quantità e qualità. Sta diventando il perno del centrocampo giallorosso.

ZANIOLO: 6.5 Quando nella ripresa si mette salta Clichy sulla fascia sembra avere il baricentro di almeno 10 centimetri più basso. Quando parte palla al piede è molto difficile da fermare se non con il fallo. Come nel primo tempo quando Ponck lo stende con una spinta in area ma l’arbitro non fischia.

PELLEGRINI: 8 Un dispenser di assist. Ancora deve trovare il primo gol stagionale ma difficilmente si potrà trovare un tifoso della Roma che possa lamentarsi. Con i due assist di oggi infatti, il centrocampista della Roma sale a a quota 7 che sono tantissimi viste anche le poche partite giocate a causa dell’infortunio.

KLUIVERT: 7 Lo Speedy Gonzales giallorosso è imprendibile per chiunque. Sul suo gol, in due secondi arriva dalla trequarti all’area di rigore avversaria e poi incrocia benissimo con il destro. Oggi meglio anche nelle scelte quando arriva negli ultimi metri avversari.

DZEKO: 7 Il bosniaco si ripete dopo il gol di Brescia. Nel primo tempo manda in porta Zaniolo e pochi minuti dopo supera Mert in uscita mettendo la firma sul tabellino dei marcatori. Tecnicamente una spanna sopra i giocatori del Basaksehir.

SPINAZZOLA (Dal 53′): 6 Quaranta minuti buoni per riprendere contatto con il campo.

UNDER (Dal 72′): S.V. Ha tantissima voglia di spaccare la partita contro la sua ex squadra. Entra bene in campo.

MKHITARYAN (Dal 72′): S.V. Buonissima notizia il ritorno in campo dell’armeno dopo l’infortunio.

ALL. FONSECA: 6.5 Non fare turnover ha pagato. La Roma vince una partita decisiva e lo fa convincendo.