Calo spettatori calcio, Abete: “I grandi club non hanno avuto l’opportunità di costruire complessi residenziali nell’area dello stadio”

di Redazione

Abete Fenucci Rome Hilton Airport PR

Il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, ha così il calo degli spettatori del sistema calcio, a margine della presentazione del report calcio 2014 all’Aula polifunzionale della Presidenza del Consiglio: “La legge sull’impiantistica sportiva ha in qualche modo accelerato le procedure per tutti, ma ha creato le condizioni per una maggiore possibilita’ di investimento per i club di livello medio e basso rispetto ai grandi club di A, che non hanno potuto avere all’interno della legge l’opportunita’ della residenzialita’ e cioe’ la possibilita’ di costruire nuovi complessi residenziali nell’area dello stadio“.

“Noi abbiamo avuto nel 2012-2013 rispetto al 2011-2012 una crescita di spettatori in serie A, ma una diminuzione significativa in B e Lega Pro e questo ha fatto si che il dato aggregato del sistema professionistico sia negativo -aggiunge il numero uno del calcio italiano.

 

Questo segno meno porta un’ulteriore riflessione sulla necessita’ di ragionare sempre piu’ su una struttura di numero di societa’ professionistiche che gia’ l’anno prossimo sara’ di 102, rispetto al vecchio format di 132, ma che nel tempo richiedera’ un ulteriore asciugamento”.

 

Adnkronos