Il primo caso in cui basta l’annuncio di una conferenza stampa a fare notizia. Di che stupirsi? Si tratta di Francesco Totti, quindi nessuna meraviglia nemmeno se per un giorno oscurerà il derby che lui non potrà giocare. L’ecografia di ieri ha confermato le previsioni più fosche: la lesione alla coscia destra non è sparita magicamente, Totti non potrà tornare ad allenarsi sul campo prima della prossima settimana, presumibilmente martedì sosterrà nuovi esami che diranno se potrà affrontare o meno il Palermo. Altro che derby.

Grande attesa
Domani, mezzogiorno di fuoco a Trigoria: il capitano ferito torna a parlare dopo mesi di silenzio autoimposto, rotto soltanto da un paio di blog sul suo sito. Si annuncia una conferenza fiume e scoppiettante. Sarà inevitabile chiedere a Totti cosa pensa del progetto americano, di Luis Enrique, della sua posizione in campo, dell’imminente ritorno a Roma di Franco Baldini, atteso per martedì o mercoledì. Totti ha l’occasione di replicare all’intervista rilasciata a luglio dal neo d.g. romanista, quella del «Totti pigro». Non l’ha chiesta lui, è la società che lo spedisce a parlare per togliere pressione ai compagni che il derby lo giocheranno. Si rivelerà una scelta lungimirante? Lungimirante, a proposito, non è stato il mese vissuto da Totti prima di farsi male: valutazioni errate sulla sua gestione potrebbero aver aggravato l’entità dell’infortunio. Perciò anche la prossima ecografia sarà fatta a Trigoria.
Gazzetta dello Sport – Alessandro Catapano