Totti: “È una società tutta straniera, ai giallorossi potrei essere utile”

La Gazzetta dello Sport (A. Pugliese) – Se i Friedkin mi dovessero chiamare? Non è ancora successo, ma dovesse accadere mi metterei seduto e ne parlerei“. L’assist arriva da Francesco Totti, che ieri si è divertito a Bobo Tv, il formati di Christian Vieri su Twitch, con Adani, Cassano e Ventola. “Ora però voglio portare avanti il mio lavoro. Se continueranno a mettermi i bastoni tra le ruote magari penserò ad altro. Certo, pur di non andare via dalla Roma mi sarei ammazzato. Mi sarebbe sarebbe piaciuto fare il direttore tecnico, avrei potuto dare di più di altri dirigenti, ma non venivo coinvolto nelle scelte“.

La mano tesa di Totti c’è, anche perché Francesco ha già avuto un colloquio con il g.m. Tiago Pinto. “Spero di portare a Trigoria giocatori forti. Ora sono tutti stranieri: proprietà, g.m. e allenatore. Serve uno che conosca l’ambiente, questo manca alla Roma. Se un giorno avessi un club chiamerei tutti ex calciatori, chi può gestire meglio una squadra? Rui Costa al Benfica è importantissimo, ne ho parlato con Tiago Pinto che lì faceva il secondo. Nelle società dove ci sono personaggi che capiscono meno di calcio, questi poi vogliono fare le prime donne. Io suggerivo giocatori per il bene della Roma, non volevo neanche che uscisse il mio nome“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A