Torino, Mihajlovic: “E’ stata una partita molto equilibrata, decisa da un episodio. Abbiamo giocato alla pari, non meritavamo di perdere” – VIDEO

di Redazione

Sinisa Mihajlovic, allenatore del Torino, al termine della gara di campionato persa 1-0 contro la Roma ha rilasciato alcune dichiarazioni. Queste le sue parole:

MIHAJLOVIC IN CONFERENZA STAMPA

Quanto è veramente soddisfatto della partita della sua squadra, se lo è…
Io penso che sia stata una partita equilibrata, decisa da un episodio. Abbiamo fatto una buonissima gara, di attenzione e personalità, dove praticamente non abbiamo concesso nulla alla Roma che è una macchina da gol. Sul finire del primo tempo abbiamo avuto due occasioni che potevamo sfruttare meglio, ma abbiamo giocato alla pari con loro e non meritavamo di perdere.

Il 4-2-3-1 che in fase difensiva diventa 4-4-2 è riproponibile? Baselli e Niang sono stati sostituiti per problemi fisici?
Noi l’abbiamo preparata in questa maniera, i nostri due attaccanti andavano sui loro difensori centrali, mandandoli da una parte e poi dopo a pressarli, cercando di non far prendere palla a De Rossi. Penso che ci siamo riusciti perchèéLa Roma in tutte le partite che ha fatto penso che non abbia mai creato così poco. Ma questo è merito del nostro atteggiamento e di come abbiamo giocato. In tre partite abbiamo preso 3 tiri in porta e 3 gol, sono momenti che girano così però i ragazzi hanno fatto bene, hanno messo in pratica quello che abbiamo preparato, con l’atteggiamento e lo spirito giusto. Peccato che abbiamo perso ma abbiamo giocato alla pari e la partita e stata decisa da un episodio. Baselli ha chiesto il cambio perché aveva i crampi, Niang era stanco e a quel punto ho cambiato lui. Barreca l’ho messo anche se ha fatto solo un allenamento visto che loro hanno messo Under che è veloce. Molinaro era già stanco, quindi ho messo Barreca per tenerlo in velocità.

Come giudica la prestazione di Sadiq?
Si è impegnato, è giovane e deve crescere. Ha fatto quello che doveva. Quando prendi un vice Belotti, che praticamente gioca sempre, e poi si fa male, hai la possibilità di prendere o un giocatore più esperto che sia disposto a fare la panchina oppure prendi un giovane e noi abbiamo preso un giovane. E’ da tempo che non giocava 90 minuti, ha fatto degli errori individuali che ci possono stare.

In vista delle prossime partite pensa di cambiare sistema di gioco o di restare così?
Sadiq ha commesso degli errori che magari avrebbe commesso chiunque altro. Non possiamo giocare senza punte.

Niang è uscito fra i fischi. E’ in una fase di involuzione?
Deve crescere, lo sai lui e lo sapiamo anche noi. Conosco le sue qualità e sicuramente non sono soldi buttati via. Bisogna avere pazienza, sono due anni che non gioca con continuità. Faccio l’esempio di Iago Falque, che quando è arrivato per i primi tre mesi non sembrava lui, poi ha ricominciato a giocare. Non si può fare niente dall’oggi al domani.

E’ arrabbiato con i suoi giocatori per una mancanza di personalità. Si dovrebbero assumere più responsabilità?
Non sono arrabbiato, oggi non posso rimproverare nulla ai ragazzi, hanno fatto quello che dovevano. Col Crotone abbiamo preso il primo tiro al 92esimo, e due tiri e due gol. Oggi abbiamo preso solo la punizione. Sicuramente si può fare sempre di più ma oggi i ragazzi sono stati più attenti. Ci sono giornate che ti capita che ogni tiro in porta prendi gol.

In vista della partita di Firenze possono pesare i 2 punti in 4 partite a livello mentale?
Non credo, spero che i ragazzi riescano a ripetere la prestazioni di oggi, sperando di recuperare qualche infortunato. Ieri abbiamo recuperato Barreca e ha fatto un allenamento con noi. Ora ci sono altri giocatori fuori ma vediamo come stanno domani e incominceremo a preparare la partita. A tutti noi dispiace di aver perso così la partita ma dobbiamo guardare la prestazione e cercare di ripeterla. Non penso ci sarà un contraccolpo.

Questo modulo non rischia di penalizzare Baselli, che era un po’ l’elemento sorpresa del suo gioco?
L’anno scorso con un modulo diverso subivamo gol, non c’è un sistema di gioco che ti fa vincere o perdere le partite, c’è solo un modulo nel quale puoi mettere determinati giocatori nelle condizioni di dare di più.

Si aspettava Nainggolan in quella posizione?
Si scambiavano con Pellegrini. Mettendo un centrocampista in più era preoccupato per la nostra fase offensiva. L’ha fatto anche con il Chelsea mettendo Gerson. Anche loro però hanno un po’ di infortunati, Schick e Defrel erano in panchina ma non credo fossero in condizione di giocare. Di Francesco ha fatto quello che ha pensato di fare e ha avuto ragione, perché ha vinto.

La punizione di Kolarov?
E’ difficile perché se fai fallo con la punizione ti fa gol, se non fai fallo magari ti fa gol prima. La devi solo sperare che non ha il piede caldo e sbaglia, ma se la mette c’è poco da fare.

MIHAJLOVIC A MEDIASET

Arrabbiato per le decisioni arbitrali?
Tutto in ordine. E’ stata una partita molto equilibrata, decisa da un episodio. Gara di grande attenzione e fisicità, non concedendo nulla alla Roma che è una macchina da gol. Abbiamo giocato alla pari, non meritavamo di perdere.

Possono esserci contraccolpi psicologici?
Per fortuna giochiamo subito, a nessuno piace perdere. La squadra ha fatto bene: abbiamo concesso poco e niente alla Roma. In queste giornate non credo abbia creato poco come a noi. Si cancella la partita di oggi e si pensa alla prossima contro la Fiorentina. Andiamo là, vediamo quello che succede.

Si aspettava questo inizio?
Sicuramente la classifica poteva essere migliore. Alcune partite abbiamo sbagliato noi, altre dagli arbitri. Ci mancano almeno 4 punti, se oggi ne avessimo 17 nessuno poteva dire nulla. Oggi era un’occasione. I ragazzi hanno fatto la prestazione, è stata decisa da una punizione di Kolarov. Andiamo avanti giocando con questo spirito da squadra, il campionato è lungo.

Punizione alla Mihajlovic?
Le mie andavano più verso l’incrocio.

Sei soddisfatto di Niang?
Non lo sono, come non lo è lui. Deve crescere, sono due anni che non gioca con continuità. Conosco le sue qualità, ha bisogno di tempo. Non sono soldi buttati via. Iago Falque sembrava un’ex giocatore ed è ripartito dopo i primi mesi. Deve dare di più e lui lo sa.

MIHAJLOVIC A RAI SPORT

E’ mancata un po’ di concretezza in attacco. L’assenza di Belotti pesa al di la della prova di Sadiq…
E’ stata una partita equilibrata decisa da una punizione di Kolarov. Abbiamo fatto una buonissima gara, fatta di attenzione e personalità. Praticamente non abbiamo concesso nulla alla Roma che è una macchina da gol. Alla fine del primo tempo abbiamo avuto due occasioni da gol ma non siamo riusciti a sfruttarle. Abbiamo giocato alla pari e non meritavamo di perdere. La Roma non ha mai creato così poco come oggi, ma è merito nostro. Ci dispiace a tutti di non aver vinto. Sadiq si è impegnato è giovane e deve crescere, d’altronde quando prendi un vice Belotti, che praticamente gioca sempre, e poi si fa male, hai la possibilità di prendere o un giocatore più esperto che sia disposto a fare la panchina oppure prendi un giovane e noi abbiamo preso un giovane.

Quali sono le condizioni di Belotti? Ci sono possibilità di vederlo in campo il 5 novembre contro l’Inter?
Sì ieri ha fatto il controllo, la ferita si è cicatrizzata perciò ricomincerà a lavorare e con l’Inter credo che sarà a disposizione se non ci sono contrattempi.

State vivendo un momento di evidente difficoltà. E’ dipeso soltanto dalle assenze o c’è anche un problema di sistema di gioco che è troppo audace?
Ci mancano almeno 4 punti. Se guardiamo i risultati e non le prestazioni, posso dire che con il Bologna abbiamo fatto un gol regolare che l’arbitro non ci ha convalidato. Con il Verona abbiamo subito un gol in fuorigioco. Sono 4 punti che fanno la differenza, perché se ne avessimo 17 al posto di 13 nessuno avrebbe niente da dire. Non voglio cercare scuse, ma abbiamo poca scelta specialmente a partita in corso perché ci mancano 5-6 titolari. Abbiamo preso 6 gol con l’uomo in meno. Sicuramente ci sono le nostre colpe, perché in alcune partite abbiamo creato e dovevamo chiuderle e abbiamo preso gol per errori individuali ma mai di reparto. Oggi comunque abbiamo fatto bene, grande attenzione, personalità e non abbiamo concesso nulla. Io guardo la prestazione poi ovvio che era meglio pareggiare o vincere. Per fortuna si gioca mercoledì, sperando di essere più decisivi in avanti e avendo più occasioni.

MIHAJLOVIC A RADIO RAI

Kolarov ha fatto un grande gol, non lo scopriamo certo oggi. Noi abbiamo fatto una bella partita, giocando alla pari della Roma e senza concedere niente a una macchina da gol come quella giallorossa. Il pareggio sarebbe stato il risultato migliore. Belotti? La sua assenza pesa, Sadiq ha fatto quello che doveva fare, ma è giovane e gioca poco. E’ normale non avere molto spazio se parti dietro a Belotti.

IN TRASFERTA CON ULTRAVIAGGI