Il Tornatora

Stadio, fronte del “no” M5S: manca l’interesse pubblico

di Redazione

Il terrore che monta tra i consiglieri stellati che siedono in Assemblea capitolina è che possano ritrovarsi, tra due anni, quando sarà terminata l’avventura a Palazzo Senatorio, con lo spettro di un conto milionario a rincorrerli da privati cittadini. Molti grillini lo dicono, anche a microfoni aperti: «Il punto è quello, le penali». Non a caso, in queste giornate di riunioni e chattate convulse, si cercano esperti di diritto amministrativo che possano mettere per iscritto che annullare tutto è nelle piene facoltà dell’amministrazione comunale. E che non si rischia quindi, più in là, di dover toccare il conto in banca. Raggi, per ora, prende tempo. Ieri è stata in Qatar, e i vertici della Roma erano a Doha. «Ma non c’è nessun nesso», hanno detto fonti dell’emirato. «Si è parlato solo di progetti futuri per Roma», la versione del Campidoglio. E un assessore confida: «La verità? Nessuno sa che piega prenderà la vicenda». Lo scrive Il Messaggero.