Stadio della Roma, per legge l’iter dovrà essere bloccato. Verrà nominato un curatore per seguire le vicende di Eurnova

di Redazione

Pagine Romaniste (Y.Oggiano) – L’ennesimo terremoto politico ha sconvolto Roma in mattinata. Sono state arrestate 9 persone di cui 6 sono in carcere mentre 3 sono ai domiciliari. In carcere sono finiti Luca Parnasi, proprietario di Eurnova, Luca Caporilli, Simone Contasta, Naboor Zaffiri, Gianluca Talone, Gianluca Mangosi, tutti collaboratori di Parnasi. Ai domiciliari Adriano Palozzi, vicepresidente del Consiglio Regionale di Forza Italia; Michele Civita, ex assessore regionale del Partito Democratico; Luca Lanzalone, presidente Acea e consulente per M5S sullo stadio.

Questa vicenda ha scosso naturalmente anche il mondo che ruota attorno allo Stadio della Roma. Per legge l’iter dovrà essere fermato visto che il proprietario titolare, ovvero Luca Parnasi, della società che ha presentato il progetto, la Eurnova, è stato arrestato per corruzione per reati contro la pubblica amministrazione. Una storia simile è stata vissuta dalla “Cooperativa29giugno” con l’arresto di Salvatore Buzzi nell’inchiesta “Mafia Capitale“. Tale Cooperativa fu riabilitata dopo oltre un anno.

Tra oggi e domani il Campidoglio invierà una lettera ad Eurnova per chiedere spiegazioni e verrà comunicato il congelamento dell’iter visto che Parnasi, al momento, è impossibilitato a firmare qualsiasi contratto, ad esempio per cedere il terreno o per vendere il progetto. Sarà nomincato un curatore a cui verrà dato un mandato che può variare dal portare avanti il progetto, di portare avanti la società o di vendere.