Sospesa l’inibizione a Fienga fino a lunedì, in attesa del ricorso. L’ad potrà partecipare alle trattative

L'amministratore delegato giallorosso potrà così incontrare le altre squadre per le trattative di mercato

di Redazione

Lo scorso 24 settembre, il Tribunale Federale Nazionale ha disposto l’inibizione per 30 giorni di Guido Fienga, per il caso del mancato rispetto del protocollo Covid-19 in occasione di Napoli-Roma dello scorso luglio. Oggi il presidente della Corte Federale d’Appello ha sospeso tale inibizione, rimandando in qualche modo il giudizio a lunedì prossimo, quando sarà discusso il ricorso presentato dalla Roma. L’amministratore delegato giallorosso, dunque, potrà partecipare alle trattative in sede di calciomercato, con la finestra che chiuderà proprio lunedì 5. Questo il testo del comunicato della Corte Federale d’Appello: “Considerato che sussistono gli estremi dell’estrema gravità e urgenza tali da non consentire neppure la dilazione della trattazione cautelare fino alla camera di consiglio in quanto, relativamente al dott. Guido Fienga, a seguito dell’inibizione – ‘poiché l’attuale finestra di calcio mercato… si chiuderà il prossimo 5/10/2020’ egli sarebbe ‘impedito a poter condurre le trattative con club e/o agenti’. P.Q.M. Accoglie l’istanza di misure cautelari provvisorie limitatamente alla inibizione comminata al dott. Guido Fienga. Fissa, per la discussione, la camera di consiglio del 5 ottobre 2020, ai sensi dell’art. 108, comma 2, del Codice della giustizia sportiva. Dispone la comunicazione del presente decreto alle parti, tramite i loro difensori, con posta elettronica certificata”.