La Serie A Femminile in attesa di decisioni ufficiali, ma senza fondi dalla FIGC è impossibile riprendere

I vertici del calcio hanno espresso la loro volontà di far ripartire la Serie A Femminile, ma le società non hanno strutture e fondi per rispettare il protocollo sanitario

di Redazione

Pagine Romaniste (S. Valdarchi) – La Serie A è pronta a ripartire: il campionato di calcio tornerà in campo il 19 e 20 giugno, con il recupero della venticinquesima giornata. Ora resta un punto interrogativo per quello che accadrà alle colleghe della divisione femminile, in attesa di una decisione ufficiale. Le massime cariche del pallone in Italia hanno manifestato la loro intenzione di coinvolgere anche la Serie A Femminile nella ripresa, portando al termine la competizione. Restano da giocare ancora sei turni, più il recupero di Milan-Fiorentina, inizialmente programmato il 5 aprile. Il dubbio più grande però rimane quello legato al protocollo sanitario, che il Comitato Tecnico Scientifico ha stabilito per gli allenamenti collettivi e le partite di calcio.

Per rispettare i paletti del CTS, infatti, servono centri sportivi, strutture e fondi a disposizione che molte realtà del movimento femminile non hanno. Se per alcune compagini l’esborso potrebbe essere sostenuto dalle società maschili alle quali sono legate, per altre risulta impossibile andare incontro a spese così ingenti. Proprio per questo motivo, i club di Serie A Femminile non accetteranno di ripartire senza aver ricevuto prima delle garanzie economiche da parte della FIGC, come dichiarato qualche giorno fa da Ludovica Mantovani, presidente della Divisione Calcio Femminile della Federazione, ai microfoni di Radio Sportiva.

E nel frattempo cosa fanno le calciatrici della Roma Femminile? Le ragazze di Elisabetta Bavagnoli per il momento proseguono il lavoro da casa, seguendo i programmi inviati dallo staff. La società, a differenza di altre come Juventus e Sassuolo che da qualche giorno hanno dato il via agli allenamenti individuali, ha deciso di aspettare indicazioni precise per la ripresa, prima di far tornare le atlete al Giulio Onesti. Tale indicazioni dovrebbero arrivare a breve, probabilmente nel corso della prossima settimana. Alcune tesserate sono attualmente all’estero, ci sarà dunque da capire e programmare anche il loro rientro nella Capitale, in vista del ritorno agli allenamenti.