“Buongiorno, sono mister Zeman”. Dall’altra parte dell’apparecchio c’è Gianluca Vialli, alquanto sorpreso di ascoltare la voce dell’acerrimo nemico, che è in realtà la voce camuffata del noto imitatore Gianfranco Butinar dai microfoni di Radio2 Rai, nel corso del programma ‘Chiambretti ore 10’.

Sulla falsariga del botta e risposta consumatosi negli ultimi giorni, l’imitatore chiede spiegazioni a Vialli sul senso delle sue ultime dichiarazioni (i presunti vantaggi che Zeman trarrebbe dalle polemiche). L’ex attaccante della Juve, ancora ignaro dello scherzo, risponde: “Ho detto che lei cavalca solo le battaglie che le fanno comodo. Avrei voluto dire anche altre cose ma poi mi sono trattenuto”. La replica del falso Zeman non tarda ad arrivare: “Ho sempre parlato di sistema, mai dei singoli”, e Vialli, sempre più perplesso, risponde: “Faccio fatica a seguirla sinceramente, forse non ricorda bene mister, comunque io ho le mie opinioni e lei le sue”. Poi è ancora il turno di Zeman, o, per meglio dire, di Butinar: “Facciamo qualcosa di costruttivo, facciamo una battaglia”, ma l’ex bianconero mostra scetticismo: “Non vedo cosa potremmo fare insieme”. Lo scherzo viene stoppato dal conduttore, Pietro Chiambretti, che svela la gag e invita Vialli a tentare una conciliazione con Zeman. Ecco l’audio della telefonata: