Il Tornatora

Sampdoria, Giampaolo: “Penso che De Rossi non indosserà mai la maglia di un’altra squadra italiana”

di Redazione

L’allenatore della Sampdoria, Marco Giampaolo, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport nella quale parla anche della Roma e di Daniele De Rossi. Queste le sue parole:

Giampaolo, iniziamo da De Rossi. È vero che vorrebbe venire a lavorare nel suo staff?
È una cosa che mi ha confermato tramite Sabatini qualche settimana fa e che mi aveva anticipato lui lo scorso anno, quando siamo andati a giocare a Roma. ‘Quando smetto mi piacerebbe lavorare con te’, mi disse.

E lei cosa rispose?
Le sue parole mi hanno fatto piacere perché De Rossi è un campione. Non lo conosco personalmente, se non per qualche scambio di battute, ma è un leader, un pretoriano, un giocatore fidelizzato e questo suo aspetto mi ha sempre affascinato.

Non sarebbe meglio averlo un anno da calciatore alla Sampdoria, come ha proposto il presidente Ferrero?
È un’idea romantica ma non penso che De Rossi indosserà mai una maglia di un’altra squadra italiana: o andrà all’estero o chiuderà la carriera. E credo sia giusto così: le grandi bandiere devono capire qual è il momento giusto in cui smettere e lui lo farà.

Lei comunque conferma di avere il telefono sempre acceso in caso di chiamata di De Rossi?
Sempre acceso. In barca con me può sempre montare, poi vedremo se andremo a motore, quindi con una direzione sicura, o se invece andremo a vela, dove ci porterà il vento.

Ammetterà che essere in ballottaggio con Gasperini per la panchina della Roma la lusinga…
Il sogno di Ferrero è di acquistare la Roma ed evidentemente tutti quelli che mi vorrebbero sulla panchina giallorossa sono… parenti di Ferrero. Oppure lo dice Ferrero stesso (ride ndr). Me la cavo così.