Il Tornatora

Sabatini: “È ancora la mia Roma, anche quando perde. Con la Juve ce la giochiamo. Pallotta chi?” – VIDEO

di Redazione

conferenza stampa sabatini

Pagine Romaniste (F.Biafora – Y.Oggiano) – Walter Sabatini, ex direttore sportivo della Roma, durante il Pierino Prati Day ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni dei cronisti presenti queste le sue parole:

“Io non posso parlare di Roma perché la Roma è un sentimento e i sentimenti non possono essere messi in piazza”.

La Roma di ieri?
“E’ la Roma di ora, una Roma solida e pragmatica”.

È la sua Roma?
“Si è sempre la mia, fino all’anno prossimo è la mia. Anche quando perde”.

De Rossi rinnova?
“Per come sta giocando e per quanta voglia dimostra rinnova per forza”.

Che partita sarà con la Juve?
“Non è una partita determinante, una partita che la Roma potrà giocare con tutti i requisiti, con tutte le speranze legate ai comportamenti dei giocatori, alle intuizioni dell’allenatore. Ce la giochiamo”.

Emerson Palmieri per come sta giocando per lei è una rivincita?
“Io non vado avanti con le rivincite, vado avanti con le mie idee. Ho sempre pensato che Emerson fosse un giocatore forte, Spalletti lo apprezza e lo sta lanciando. E’ costato così poco da ribilanciare i prezzi di quelli che sono costati tanto, che vengono denunciati tutte le mattine come operazioni fallimentari che io ho fatto. Così facciamo come i droghieri e i pizzicagnoli con il lapis sull’orecchio dicendo che questo costa 20 e quello 1.5, dividiamo per due…. 10.5 e stiamo a posto”.

Da Gerson si aspettava qualcosa di più?
“Gerson sta facendo quello che deve fare come un ragazzo del ’97 che sta imparando questo nuovo tipo di calcio. Avrà le sue occasioni, se non riesce alla Roma lo prenderò io altrove quando andrò a lavorare”.

Dzeko capocannoniere del campionato?
“Sono già tre partite che non fa gol, c’è bisogno che si sbrighi”.

Ci può dire qualcosa su Pallotta?
“Chi?”.