Pagine Romaniste

Roma, rapinata mamma Zaniolo: “Però poi non lamentatevi…”

di Redazione

La rapina ai danni della madre non ha lasciato indifferente Nicolò Zaniolo, tanto che ha scritto in una storia Instagram, poi cancellata, le seguenti parole: «Mia mamma per la seconda volta ringrazia chi si è permesso di rubare qualcosa che non gli appartiene. Troppo facile vedere una donna sola, minacciarla e di conseguenza derubarla delle sue cose. Poi non lamentatevi…». E su quel «non lamentatevi» ovviamente ieri a Roma è iniziata la corsa a interpretare e capire. «Che cosa vorrà dire Nicolò?», la domanda che si sono fatti tanti tifosi giallorossi. Domanda a cui la risposta più semplice e diretta che si sono dati in tanti è stata quella relativa ad una sua eventuale partenza. Alla madre del giovane talento giallorosso era stata già rubata la macchina, poi restituitale. Ieri per Francesca l’episodio è stato invece anche più duro, perché è stata bloccata da due malviventi appena uscita dall’auto, malviventi che gli hanno portato via un orologio di valore, le chiavi dell’auto e la borsa, con dentro telefonino, carte di credito e documenti. Zaniolo da oggi tornerà a pensare solo al campo, al Parma. Poi da lunedì si inizierà a ragionare anche sul futuro, con il d.s.in pectore Gianluca Petrachi che ha dato appuntamento all’entourage per la prossima settimana. Se la Roma e Zaniolo vorranno però andare avanti insieme, un modo lo si troverà. Dai 300mila euro attuali bisogna salire. Per i capitolini fino a 1,3, per il giocatore a due. L’accordo, probabilmente, si troverà a metà strada. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.