Roma, l’Europa ti fa bella. I giallorossi sognano la finale di Danzica ma serve l’impresa con il Manchester United

Il Tempo (E. Zotti) – Un’altra notte europea che rimarrà impressa nella memoria dei tifosi della Roma. Dopo l’impresa di Amsterdam, all’Olimpico la squadra giallorossa ha portato a termine il “quarto di finale perfetto” raggiungendo un traguardo storico: quella contro il Manchester United è la seconda semifinale di una competizione internazionale che la Roma gioca nel giro di quattro stagioni. 

Il 24 aprile 2018 infatti Dzeko e compagni scendevano in campo ad Anfield contro il Liverpool per giocarsi l’accesso alla finale di Champions League. A tre anni di distanza il bosniaco, grazie al suo trentesimo gol internazionale in giallorosso, ha stoppato la rimonta dell’Ajax e regalato a una città intera la possibilità di sognare ancora.

Contro i Red Devil sarà durissima, ma la Roma sta dimostrando di saper indossare senza troppo impaccio l’abito per le serate di gala. La squadra di Fonseca in Europa sembra aver trovato la sua dimensione: oltre a sfruttare bene gli spazi più ampi, nel secondo tempo della Johan Cruyff Arena ha incassato colpi senza perdere lucidità, capitalizzando al massimo le poche occasioni create. 

Un’abilità fondamentale in vista del match d’andata contro lo United in programma il 29 aprile all’Old Trafford. Se la Roma dovesse uscirne indenne, il ritorno del 6 maggio all’Olimpico diventerebbe la partita più importante dell’ultimo decennio romanista. Quel giorno – se il Lazio dovesse essere zona gialla e arrivasse l’ok del Governo – sugli spalti ci saranno mille tifosi: un piccolo assaggio di normalità.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A