Il Tornatora

Ranieri & Spalletti, chi si rivede

di Redazione

L’uno andò via per far posto all’altro. Lucio out, Claudio in e la Roma sognò. Oggi i sogni sono diluiti per entrambi, Spalletti da una parte e Ranieri dall’altra, due allenatori che un qualcosa di giallorosso nella loro vita ce l’avranno sempre, se non altro per aver sfiorato tutti e due lo scudetto a Roma. Oggi sono su due panchine diverse, che domenica saranno vicine, a San Siro, dove anche Ranieri ha allenato, qualche anno fa, quando qui c’era la rifondazione americana e il tecnico della Roma si chiamava Luis Enrique. Spalletti e Ranieri hanno qualcosa in comune alla fine: uno ad esempio, Claudio, ha allenato il Chelsea, Lucio invece l’ha solo ambito; un’altra storia in comune, roba dei giorni d’oggi, che entrambi hanno sulla testa l’ombra lunga di Antonio Conte. A Ranieri, questo, interessa poco, è arrivato a Roma sapendo che l’incarico era a termine, mentre Spalletti questa ombra non la gradisce, perché la panchina nerazzurra la vuole difendere con le unghie. Cosette in comune, ma se li guardi, li studi, ti accorgi che sono diversi, lontani, quasi opposti. Come riporta Il Messaggero, l’aggiustatore Ranieri è venuto a Roma per aggiustare e sabato a San Siro ha quasi la possibilità di completare la riparazione: vincendo in casa dell’Inter si ritrova improvvisamente vicino il terzo posto. E Lucio, invece, se ne vuole andare in fuga, possibilmente dando un bel calcione alla Roma, che nella sua seconda avventura, forse, non lo ha capito. Insomma Inter-Roma non è solo uno scontro per la Champions ma è anche Spalletti contro Ranieri.