Il Tornatora

Primavera, ripartenza con 5 gol

di Redazione

Corriere dello Sport (F.Schito) – Meglio di così non poteva cominciare. O finire. La Roma Primavera, nella prima dell’anno in campionato, l’ultima del girone di andata, cancella dalla memoria la sconfitta di Supercoppa contro l’Inter a San Siro rifilando cinque gol al Genoa e riprendendo la terza posizione in classica con una partita ancora da recuperare. Al Tre Fontane i giallorossi dominano senza gli squalificati Ciavattini e Marcucci, sbloccando dopo appena tre minuti con un destro preciso da fuori area di Riccardi: il centrocampista classe 2001 centra il suo quinto gol in campionato trasformandosi nel miglior marcatore della squadra di Alberto De Rossi. Il Genoa, allenato da Carlo Sabatini, fratello di Walter, orfano di Micovschi fermato dal Giudice Sportivo, non riesce a contrastare la manovra dei giallorossi che passano ancora due volte nel primo tempo con Antonucci e Corlu nel minuto di recupero.

La ripresa non cambia l’andamento della gara: trovano gloria infatti anche Sdaigui e Celar chiudendo il match con un netto 5-0. «Ci sono da sottolineare tante cose – le parole di Alberto De Rossi a Roma Tv -, tanti aspetti positivi, elogiamo giustamente i giocatori. E’ il gruppo che cresce, non il singolo: di bravi ce ne sono tantissimi. Dopo la delusione della Supercoppa, ho detto che abbiamo iniziato un biennio diverso, i nostri giocatori sono stati presi da tante squadre, vuol dire che è stato fatto un grande lavoro da chi ci ha lavorato. Avevamo di fronte una piccola incognita, anche se il ciclo della Roma continua in termini di programmazione. Cambiare tantissimo, quasi totalmente, lasciava adito anche alla possibile mancanza di qualità di risultati. E invece non è stato così. Lo ribadisco, poteva essere un anno di transizione ma ci siamo. Niente ci è precluso».