Il Tornatora

Pellegrini, la dolce notte del Predestinato

di Redazione

Considerata l’assenza dello squalificato Edin Dzeko, c’era grande attesa non tanto per la prima rete in giallorosso di Nikola Kalinic, quanto per il primo tiro realmente pericoloso del croato nello specchio della porta avversaria. Cosa mai avvenuta prima della gara di Parma. Dopo quarantacinque minuti di grossa delusione, a far gol ci ha pensato Lorenzo Pellegrini, capace anche di raddoppiare, stavolta dal dischetto del rigore, a un quarto d’ora dalla fine. Un bel segnale da parte del numero 7, visto che proprio da lui ci si aspettava un lampo per ridare luce alla Roma dopo due sconfitte. E per dare nuovo splendore anche alla sua stella, dopo due prestazioni non positive contro Torino e Juventus. Pellegrini, in un momento complicatissimo della sua stagione, ha preso in mano la situazione e la squadra e ha portato la Roma a giocarsi i quarti di finale di Coppa Italia contro i campioni d’Italia. Lo scrive Il Messaggero.