Pallotta aspetta, ma Friedkin ragiona sull’opportunità

Friedkin le sue condizioni le ha già fatte sapere: valutazione più bassa del club, taglio del costo lavoro del 30%, mantenimento di asset strategici

di Redazione

La Gazzetta dello Sport (A. Pugliese) – Non lo so se la trattativa per l’acquisto della Roma tra Pallotta e Friedkin sia terminata, sicuramente il Coronavirus non ha aiutato. Questo è poco ma sicuro”. Lo dice il presidente del Coni e tifoso romanista Giovanni Malagò, intervenuto nella giornata di ieri a Radio Incontro Olympia. Il magnate texano dovrà fare delle valutazioni. Le farà sopratutto tra il 26, giorno dell’assemblea degli azionisti della Roma, e il 30 giugno, giorno dell’approvazione del bilancio più sofferto della storia del club probabilmente. In realtà Friedkin le sue condizioni le ha già fatte sapere: valutazione più bassa del club, taglio del costo lavoro del 30%, mantenimento di asset strategici. Intanto ieri la squadra ha fatto il quinto ciclo di tamponi (tutti negativi), il secondo settimanale. Oggi è il giorno del probabile ritorno agli allenamenti di gruppo.