Pallotta ai tifosi: “Il Comune tace, se volete lo stadio ora fatevi sentire”

di Redazione

James Pallotta esce duramente allo scoperto sulla questione stadio. “Ho mandato da Boston miei emissari sperando in un progresso, ma al Comune non hanno avuto tempo per incontrarli”. Il presidente della Roma segue a distanza le vicende giudiziarie che coinvolgono da mesi il Campidoglio sfiorando, quanto basta per allungare i tempi, il progetto di Tor di Valle. “Forse un così grande investimento e tanti nuovi posti di lavoro non sono così importanti – continua il tweet di Pallotta attraverso l’account giallorosso – se i tifosi vogliono lo stadio, devono sollecitare un intervento”. Da tre settimane la pec con la proposta di convenzione urbanistica è sui tavoli del Comune, la pazienza del presidente statunitense è arrivata al limite. Ma l’appello fatto ai tifosi, arrabbiati e sfiduciati per il rifiuto di Conte, è molto distante dal sentimento popolare. Lo scrive La Repubblica.