Il Tornatora

Il Romanista – Osvaldo: “Bellissimo segnare sotto la Sud”

di Redazione

Marco Cassetti passa in zona mista sorridendo anche se non ha giocato e dice: “Sono felice”. Parole sagge visto che i romanisti dopo il secondo successo di fila guardano a queste due settimane di sosta che porteranno al derby con più serenità. Una serenità che si vede chiaramente nello sguardo di Pablo Daniel Osvaldo – per tutti Dani – al terzo gol in tre partite. Dopo la mitraglia esibita a Parma, ieri è arrivata quella sotto la Sud: “E io – sono state le sue parole – sono contento di aver fatto gol proprio lì. E’ stato bellissimo vedere tutta quella gente esultare così felice per un mio gol, spero di poterci andare tante altre volte. Siamo una squadra costruita per fare grandi cose, ci mancano dei dettagli da mettere a punto ma miglioriamo giorno dopo giorno”.
L’argentino sembra essersi definitivamente sbloccato, Luis Enrique lo fa giocare sempre, lui si sente sempre più a suo agio con i compagni e non ha intenzione di fermarsi: “Noi attaccanti viviamo di gol, è normale. In molti mi avevano giudicato male, su di me erano state dette tante cose non vere ma non mi preoccupo. Sono un bravo ragazzo, non ho mai litigato con nessuno e sono qui per dimostrare il mio valore”. Osvaldo spiega anche cosa vuole Luis Enrique da lui e dagli altri attaccanti: “Ci dà abbastanza libertà di spaziare, abbiamo solo un obbligo: quando perdiamo palla dobbiamo correre a centrocampo e pressare”.
Lui lo ha fatto e quando è stato sostituito l’Olimpico gli ha riservato tanti applausi: “Mi fa piacere, tutta questa fiducia non me l’aveva mai data nessuno, non ricordo un avvio di stagione così positivo, ora dobbiamo continuare così”. Con la speranza di ricaricare la mitraglia per la prossima partita. E non serve neanche dire qual è… Osvaldo parla anche del rapporto coi suoi compagni di squadra: “Condividere il campo con Totti è una fortuna e un piacere. Le cose quando c’è lui vengono meglio perché essere al suo fianco rende tutto più semplice. Borriello? Parliamo spesso, è un bravissimo ragazzo, è tranquillo e deve continuare ad esserlo perché le possibilità arrivano per tutte. Siamo tanti, è vero, ma tutti forti e ci saranno momenti belli e brutti per ogni giocatore. L’importante è farsi trovare pronti e pensare al bene della Roma”.
Battute finali dedicate alla Nazionale: “Prandelli mi segue? Mi fa piacere, spero di continuare così”. L’obiettivo di Lobont è lo stesso: «Serve più continuità, ma siamo sulla strada giusta». Borini invece ha svelato una chiacchierata tra la squadra e Luis Enrique in settimana: “Nello spogliatoio ne abbiamo parlato e ci siamo messi d’accordo su alcune cose. Ci siamo sentiti più liberi e la manovra è stata più fluida. Si vede che stiamo migliorando, anche se abbiamo ancora bisogno di tempo”.
Il Romanista – Chiara Zucchelli