Ora abbiamo pure il capitano

Il Messaggero (P.Liguori) – Mourinho si sente dappertutto e come previsto ha rilanciato il nostro entusiasmo. E’ anche il primo ad aver capito che tutto ciò non basterà per un anno intero. Allora si muove per frenare, per rendere più razionale e duraturo il processo. Giovedì ha gettato molta acqua sul fioco. Tutto viene detto e fatto per non mollare, per non diminuire la tensione.

Roma ad alta fedeltà

Oggi la chiave di volta è il capitano Lorenzo Pellegrini. Dopo Totti, per effetto combinato di proprietà e allenatori analfabeti del calcio, la Roma non ha avuto più un capitano indiscusso. L’ultimo, Dzeko, è stato detronizzato in modo volgare e incosciente. Rui Patricio è stata la sua prima richiesta e ora, finalmente, abbiamo un portiere. Il resto sta crescendo a vista d’occhio.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti