Pagine Romaniste (Alessio Nardo) – Ultimo turno infrasettimanale dell’anno in Serie A. Per la Roma, un appuntamento da non fallire. All’Olimpico arriva il Genoa di Ballardini, brillante nel rendimento ma ormai salvo (+11 sul Crotone terzultimo) e potenzialmente appagato. Squadra solida e poco spettacolare: 2° peggior attacco del campionato (solo il Sassuolo ha segnato meno) ma 5^ miglior difesa. I giallorossi dovranno far valere la maggiore dose di stimoli per conservare un terzo posto in bilico: 61 punti, gli stessi della Lazio, quarta per l’esito sfavorevole degli scontri diretti. L’Inter, quinta, è ad una sola lunghezza di distacco dalle due romane.

I ROSSOBLU’ NON FANNO PUNTI IN CASA DELLA ROMA DAL ’94 – Il Genoa è un avversario che riporta alla mente dolci ricordi. Ovviamente l’8 maggio del 1983, giorno del secondo scudetto romanista, divenuto aritmetico dopo l’1-1 di Marassi firmato Pruzzo e Fiorini. Se parliamo di gare giocate all’Olimpico, non può non tornare in mente l’emozione fortissima vissuta 11 mesi fa: 28 maggio 2017, il 3-2 di Perotti all’ultimo respiro che valse il 2° posto e dunque l’accesso diretto alla Champions League, seguito dalla commovente celebrazione per l’addio al calcio di Francesco Totti. La Roma è reduce da 11 vittorie di fila in casa contro il Genoa. Dalla stagione 1994-1995 solo successi per la squadra capitolina. L’ultimo segno X risale al 9 gennaio 1994: vantaggio ospite di Tomas Skuhravy e pari di Massimiliano Cappioli. L’exploit genoano manca invece dal 17 gennaio 1990. A decidere, in quel caso, fu un gol dell’attaccante uruguaiano Carlos Alberto Aguilera.

GENOA, CON BALLARDINI 1,6 PUNTI A PARTITA – Spaventoso il rendimento casalingo della Roma in Europa (4 vittorie, un pari e zero gol subiti in 450’) ma paradossalmente assai poco esaltante in campionato: 9 successi, un pareggio col Sassuolo e ben 6 sconfitte. Non lontano il record storico di ko interni in un singolo torneo: 8, risalente al 1947-1948. Se il numero di gol segnati è lo stesso tra casa e trasferta (25), evidente è la differenza relativa alle reti al passivo: 17 all’Olimpico, in 16 match disputati, e soltanto 9 in terra nemica. Il Napoli è l’unica squadra che ha incassato meno gol dei giallorossi fuori casa (8). Il Genoa, lontano da Marassi, ha totalizzato il 52,6% dei suoi punti totali in classifica: 20 su 38. Relativamente alle gare esterne, i liguri hanno il peggior attacco della Serie A (solo 8 reti siglate), ma al contempo la terza miglior difesa (10 gol subiti) proprio alle spalle di Napoli e Roma. Notevolmente migliorata la media punti con l’arrivo di Ballardini: 32 in 20 giornate (1,6 a partita). Appena 6 in 12 gare col precedente tecnico Ivan Juric.

Statistiche Roma in casa

ULTIMA VITTORIA: 09/03/2018, Roma-Torino 3-0
ULTIMO PAREGGIO: 30/12/2017, Roma-Sassuolo 1-1
ULTIMA SCONFITTA: 07/04/2018, Roma-Fiorentina 0-2

Statistiche Genoa in trasferta

ULTIMA VITTORIA: 11/02/2018, Chievo-Genoa 0-1
ULTIMO PAREGGIO: 07/04/2018, Sampdoria-Genoa 0-0
ULTIMA SCONFITTA: 18/03/2018, Napoli-Genoa 1-0

PRECEDENTI IN SERIE A DAL 1990
1989-1990: Roma-Genoa 0-1
1990-1991: Roma-Genoa 3-1 (Giannini, Di Mauro, Voeller)
1991-1992: Roma-Genoa 0-0
1992-1993: Roma-Genoa 3-0 (Carnevale, Hassler, Carnevale)
1993-1994: Roma-Genoa 1-1 (Cappioli)
1994-1995: Roma-Genoa 3-0 (Balbo, Balbo, Fonseca)
2007-2008: Roma-Genoa 3-2 (Taddei, Vucinic, De Rossi)
2008-2009: Roma-Genoa 3-0 (Cicinho, Vucinic, Baptista)
2009-2010: Roma-Genoa 3-0 (Perrotta, Toni, Toni)
2010-2011: Roma-Genoa 2-1 (Borriello, Brighi)
2011-2012: Roma-Genoa 1-0 (Osvaldo)
2012-2013: Roma-Genoa 3-1 (Totti, Romagnoli, Perrotta)
2013-2014: Roma-Genoa 4-0 (Florenzi, Totti, Maicon, Benatia)
2014-2015: Roma-Genoa 2-0 (Doumbia, Florenzi)
2015-2016: Roma-Genoa 2-0 (Florenzi, Sadiq)
2016-2017: Roma-Genoa 3-2 (Dzeko, De Rossi, Perotti)