Il Tornatora

Montella chiama De Rossi: in Italia lo aspetta la Viola

di Redazione

Da una parte la tentazione di Montella, dall’altra la smentita di Burdisso. Resta in bilico la posizione di De Rossi che potrebbe risolvere il suo contratto del Boca già a dicembre. L’ex romanista si sottoporrà in queste ore a nuovi controlli medici, ma fin qui ha disputato solo 2 partite fino al 90’ e i ritmi argentini prevedono ben altro. Difficile, se non impossibile, che possa scendere in campo il 23 ottobre nel Superclasico di Libertadores col River che vale una stagione. Probabile che l’avventura a Buenos Aires possa concludersi prima del tempo. Burdisso, dg del club e amico di Daniele, ha smentito le voci di una rescissione anticipata rispetto alla scadenza di metà 2020 ma molto dipenderà dalle elezioni politiche dell’otto dicembre dalle quali l’ex difensore potrebbe uscire sconfitto. Intanto si è rifatta sotto la Fiorentina di Montella che già lo aveva corteggiato in estate. L’allenatore viola lo vorrebbe volentieri a Firenze dove un altro “vecchietto” come Ribery ha ritrovato una seconda giovinezza. Per affiancarlo a Castrovilli, astro nascente del calcio azzurro che da De Rossi potrebbe imparare molto. Un contratto di 6 mesi con la possibilità di allungarlo per un’ulteriore stagione. I dubbi di De Rossi sono sempre gli stessi ovvero legati alla difficoltà di vestire una maglia italiana che non sia quella della Roma. Lo riporta Leggo.