Monchi in conferenza: “Se arrivano offerte è mio dovere valutarle. Non stiamo cedendo i giocatori a loro insaputa” – VIDEO

di Redazione

Il direttore sportivo Monchi ha parlato in conferenza stampa, leggendo un comunicato prima delle parole di Di Francesco. Ecco le sue parole:

“Prima di tutto buonasera. Volevo parlare in spagnolo perché voglio che il messaggio sia chiaro a sufficienza. Non voglio sbagliare con il mio primo italiano. Tolgo poco tempo al Mister alla vigilia di una partita così importante ma ci troviamo costretti a fare chiarezza. Sono troppi giorni che la Roma viene descritta sui giornali come una società in smobilitazione. Ho letto addirittura che staremmo cedendo giocatori a loro insaputa. Si tratta di una descrizione dei fatti molto distante dalla realtà. Non può essere una colpa avere in rosa tanti calciatori forti che interessano a grandi club. Se arriveranno offerte concrete sarà mio dovere, come direttore sportivo, valutarle come vengono valutate le mie quando contatto gli altri direttori sportivi. Lo stesso che ho fatto quando ero a Siviglia e che fortunatamente ha avuto qualche risultato e anche qui, lo stesso che là, mi trovo nella condizione di prendere tutte le decisioni che ritengo giusto prendere. Sono convinto al 100% che ho fatto il triplo di telefonate verso gli altri direttori sportivi, per cercare calciatori per la Roma, rispetto a quelle che ho ricevuto. Voglio essere chiaro una volta per tutte: la Roma non va a caccia di offerte in giro per il mondo e, soprattutto, non vuole ridimensionare la rosa, anzi. Lo dico anche ai miei tifosi, il nostro obiettivo è sempre lo stesso, rinforzare la squadra. Un direttore sportivo è sempre contento quando i nomi dei calciatori che staseguendo non escono sui giornali, ma non pensate che stiamo dormendo“.