Il Tornatora

Monchi, futuro da decidere a giugno

di Redazione

Che questa sia la sua Roma, non c’è dubbio. Ha lavorato tanto, tantissimo Monchi per portare il club più in alto possibile, e lo scorso anno c’è andato vicino, lui che non aveva mai raggiunto neanche i quarti di Champions League. Ma dall’impresa contro il Barcellona e la doppia sfida contro il Liverpool è passato quasi un anno, e il ds spagnolo sembra sempre più provato. Molto spesso criticato, tanto per le cessioni di Nainggolan, Alisson e Strootman quanto per alcuni acquisti, come quello di Pastore, l’ex sevillista è ferito da molti giudizi sferzanti, tanto da meditare sull’addio a fine stagione. La causa principale, come scrive il Corriere dello Sport, è proprio questo feeling a corrente alternata con l’ambiente giallorosso, ma è certo che d’altra parte fanno piacere le avances di Paris Saint-Germain, Arsenal e Manchester United. Qualsiasi decisione, in ogni caso, verrà presa a fine stagione.