Mkhitaryan al top: “Armeno tu” in un 2020 da cancellare

In 10 partite cinque reti e quattro assist: sicuramente il migliore dei giallorossi di Fonseca

di Redazione

Leggo (F. Balzani) – «Armeno tu» in questo 2020 da dimenticare. Ok, la battuta è inflazionata, ma la verità è che l’unica nota davvero lieta di quest’anno solare giallorosso risponde al nome di Mkhitaryan, il talento di Armenia con la faccia da attore e i modi gentili che sembra aver messo da parte i problemi fisici del 2019. L’ex stella del Dortmund – che si è ripreso il ruolo di trequartista – ha numeri da top player: nelle 10 partite da gennaio a oggi ha messo a segno 5 gol e 4 assist risultando il leader di una squadra ancora convalescente. La media reti è superiore a tutti nella Roma, anche a Dzeko. Mkhitaryan ne segna uno ogni 149′ mentre l bosniaco lo insegue con uno ogni 177′. Otto (da inizio stagione) le perle dell’armeno. Non segnava così tanto in campionato dal 2016 col Dortmund, quando concluse la stagione con 11 reti. Importante è pure l’impatto sulla squadra. Quando Mkhitaryan segna o assiste i compagni la media si alza a 2,3 punti a partita (7 vittorie e due sconfitte) mentre quando resta a secco la media è di 1,4. Contro il Brescia mancherà per squalifica, ma sarà garantita la sua presenza anche nella prossima stagione.