Il Tornatora

Milan, Borini: “A Roma dicevano che spaccavo lo spogliatoio. In rossonero voglio dimostrare che posso stare in Italia”

di Redazione

Fabio Borini, attaccante del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni al quotidiano SportWeek. Il classe ’91 ha parlato anche della sua esperienza con la maglia della Roma. Queste le sue parole:

Sei un giocatore troppo generoso?
A volte mi scoccia sentirmi definire così. E’ un appellativo che mi hanno dato perché corro tanto e mi adatto a ogni ruolo, ma non voglio che sia la sola cornice dentro la quale comprendere le mie caratteristiche. E ho detto a Gattuso che se da attaccante devo trasformarmi in terzino, voglio lavorarci su seriamente per evitare errori di posizione come quello che qualche settimana fa ci è costato il provvisorio pareggio del Chievo. A Roma si diceva che ero uno spacca spogliatoio, altra cosa sbagliata. Il fatto di correre tanto è genetico, mia mamma lo fa e anche mio padre. Qui al Milan voglio dimostrare che posso stare in Italia, che da qui non sono scappato e che sono uno da Milan. E un po’ l’ho già dimostrato.