Il Tornatora

Il Romanista – Per Mexes la prima contro di noi

di Redazione

Philippe Mexes contro la Roma. Qualche anno fa in pochi si sarebbero immaginati di vedere “Rugantino” vestire la maglia di un’altra squadra di Serie A. Vederlo contrastare gli attaccanti giallorossi.

Ma purtroppo o per fortuna, ognuno la vede a suo modo, sabato sera alle 18 Mexes potrebbe giocare per la prima volta contro la Roma, complici le non perfette condizioni fisiche di Thiago Silva. All’andata il difensore rossonero non giocò perché infortunato. Sabato invece sarà sicuramente a disposizione di Allegri. Come a disposizione sarà Mesbah che pensa solo alla Roma: «Sabato contro la Roma dobbiamo stare attenti, hanno molti giovani bravi, ma noi dobbiamo guardare solo a noi stessi», le parole del giocatore rossonero ai microfoni di Milan Channel. Il giocatore rossonero non vuole più pensare né alla sfida di martedì sera contro la Juventus in Coppa Italia né alla partita contro il Barcellona in programma martedì prossimo: «Siamo molto dispiaciuti e amareggiati per l’eliminazione, ma siamo soddisfatti della prestazione perchè abbiamo giocato meglio della Juventus – ha proseguito Mesbah -. Nonostante il risultato dell’andata, abbiamo reagito bene e fatto una grande partita, quando alziamo il ritmo non ce n’è per nessuno. Ora pensiamo al campionato di sabato contro la Roma e poi alla sfida contro il Barcellona».

La partita giocata martedì sera contro la Juventus ha evidenziato le difficoltà che sta riscontrando Allegri nel mettere in campo undici giocatori nei rispettivi ruoli. Il tecnico rossonero però non si può lamentare dei giocatori che ha a disposizione come Maxi Lopez che nella sfida di Torino ha segnato un gran gol. L’attaccante rossonero ieri, ai microfoni di Sky Sport 24, si è candidato per una maglia da titolare al fianco di Ibrahimovic: «Io e Ibra possiamo convivere. Abbiamo giocato insieme in allenamento. Chiunque gioca insieme a lui gioca bene. Se dovessi giocare con lui mi troverei sicuramente bene»[…]

Il Romanista – Anton Filippo Ferrari