Il Tornatora

SPERANZE ROMANISTE: Nelle mani di Marchegiani e nei piedi di Ferri

di Redazione

marchegiani asroma primavera

Torna su Pagine Romaniste lo spazio settimanale che dedicato a presentarvi i ragazzi che compongono la rosa della Primavera 2013/2014 guidata da Alberto De Rossi. Oggi è il turno di  Gabriele Marchegiani e Jacopo Ferri 

Gabriele Marchegiani gioca nell’ A.S. Roma Primavera. Nasce a Roma il 03.06.1996 e ha 17 anni. Figlio d’arte, come si può comprendere dal cognome, ha scelto l’altra sponda del Tevere, ma del padre Gianluca, ex lazio ed ora tra i più bravi commentatori di Sky Sport, condivide il ruolo, tra i pali.
E’ nella Roma dalla stagione 2009/2010 dopo aver giocato nel SSD Futbolclub Roma. A soli 15 anni, a causa delle assenze di Lobont, infortunato e Curci, influenzato, si aggregò in gruppo e seguì gli allenamenti di Luis Enrique. Chi lo conosce e lo segue da tempo assicura che il ragazzo ha tutti gli elementi giusti per crescere ed affermarsi, noi ovviamente gli auguriamo il meglio possibile

 

 

jacopo ferri as roma primavera
Jacopo “Jajio” Ferri ricopre il ruolo di attaccante esterno. Nasce a Roma il 05.04.1995 e ha 18 anni. E’ alto 1,71 m ed è di piede destro.
Ferri inizia a giocare a calcio a 5 anni con la Maccarese, dove rimane per 7 anni. Nel 2006 poi, viene visto e ingaggiato dagli osservatori della Roma, dopo aver giocato un torneo con la Maccarese ed esser arrivato in finale.
Le caratteristiche, quando veniva allenato anni fa dall’ormai affermato Vincenzo Montella, erano simili proprio all’ “areoplanino”, attaccante esterno rapido e preciso, e proprio il giovane giocatore ha espresso tutto l’apprezzamento verso il suo vecchio allenatore, che gli ha insegnato i movimenti da fare in area, e per aver trasmesso a tutti educazione e rispetto sia fuori che dentro il campo. Il suo idolo calcistico, però, è Cristiano Ronaldo.

Prima di arrivare alla Roma Primavera, è stato allenato anche da Stramaccioni, anticipando il passaggio agli Allievi grazie ai suoi 34 gol della stagione precedente. Quindi, seppur piccolo, ha già avuto la fortuna di essere allenato da due allenatori che, poco dopo, si sarebbero affacciati alla Serie A. E’ stato convocato anche nell’ Italia U19 da Alessandro Pane.

 

Edoardo Iacolucci