Lotito: “Ora tutti mi copiano, ma io ho lanciato l’idea dello stadio di proprietà. Mi aspetto lo stesso trattamento riservato alla Roma”

di Redazione

Claudio Lotito, presidente della Lazio, è tornato a parlare dell questione stadio. Queste le sue parole a Radio Incontro Olympia:

Se un’amministrazione comunale è al di sopra delle parti deve ora dare anche alla Lazio la possibilità di fare lo stadio. L’Olimpico? È nella disponibilità patrimoniale del Coni. Un affitto per 99 anni? Non voglio entrare nel merito della qualità dell’Olimpico. Con quello che paghiamo d’affitto avremmo comprato il nostro stadio già da 14 anni. Paghiamo 387mila euro al mese, che sono più di 4 milioni l’anno. Se facciamo il calcolo in 20 anni sono circa 80 milioni. Non è nel nostro interesse, l’Olimpico ha già le sue criticità che tutti lamentano. Noi dobbiamo fare uno stadio autonomo come lo farà la Roma, dove ‘apriamo il cancello e lo chiudiamo’: deve essere vissuto 365 giorni l’anno. Ora tutti mi copiano, ma sono stato io a lanciare l’idea dello stadio di proprietà dal primo giorno in cui sono arrivato. Gli ostacoli? Il problema è l’aspetto burocratico e il rispetto delle regole. Se non dovesse esserci concesso quello che è stato concesso agli altri sarebbe allora una cosa spiacevole. Sento molta gente che sta ‘sviando’: prima il Flaminio, poi altre cose. Noi vorremmo ciò che è stato dato agli altri. Non ho mai proferito nulla sullo stadio della Roma, adesso chiedo che facciano altrettanto con la Lazio“.