VIDEO LIVE TRIGORIA – Conferenza Garcia: “Castan è un guerriero, siamo tutti con lui. L’ambizione è vincere lo scudetto”


LIVE PAGINE ROMANISTE – Queste le dichiarazioni del tecnico della Roma Rudi Garcia, in conferenza stampa a Trigoria, alla vigilia della trasferta di Bergamo contro l’Atalanta.

Castan?
Siamo tutti con Leo, dopo questo intervento che deve fare ad inizio dicembre sarà di nuovo in grado dopo un po’ di tempo di tornare ad essere un giocatore della Roma, lo dobbiamo lasciare tranquillo, è un grande campione e un guerriero, tornerà al 100%.

Che Roma dopo la sosta?
Ci sono tanti giocatori che hanno giocato con la Nazionale, tutti vanno bene tranne Mapou che è tornato infortunato. Anche gli africani hanno avuto il tempo giusto per recuperare e sono pronti per giocare domani, è una gara importantissima, è l’unica attualità che trovo interessante, siamo tutti concentrati su questa sfida.

In porta?
Domani giocherà De Sanctis, sta bene, sta migliorando, ha avuto quindici giorni per lavorare, sta veramente bene sul piano fisico ed è carico, lui è uno che spinge gli altri, è un plus per noi avere un portiere che tiene tutti svegli in difesa.

La prevenzione dei denti la state adottando?
Abbiamo fatto un check-up ad inizio anno e ne abbiamo fatto un altro adesso, mi sembra una cosa intelligente vedere i giocatori curarsi su questo piano, è importante per loro essere sani al 100%.

Le assenze complicano la situazione della Roma?
Abbiamo recuperato Astori, Florenzi e Borriello, aspettiamo Maicon e abbiamo per Mapou. Ha giocato tutte le partite. Non siamo gli unici ad avere problemi, anche il Bayern, chi fa tante gare ha problemi, ora siamo in discesa, abbiamo perso Mapou ma stiamo recuperando quasi tutti, non parliamo di Leo ovviamente.

Allegri ha detto che se non arrivate secondi avete fallito…
Non abbiamo bisogno di dichiarazioni esterne per avere pressioni, metterci la giusta voglia per vincere, noi vogliamo vincerle tutte, ma conta solo la partita di domani.

Maicon?
Sta migliorando, valuteremo ogni giorno, sembra vicino al ritorno, non è convocato per domani, speriamo che tornerà al 100%, in difesa siamo un po’ costretti a far giocare sempre gli stessi. Abbiamo la seconda difesa del campionato con due rigori inesistenti presi e un gol in fuorigioco, non siamo male in difesa, anche con gli assenti.

rudi atalanta2

Interverrete sul mercato vista l’assenza di Castan?
Io e Sabatini valutiamo ogni giorno la situazione, dipende da tante cose, gli infortunati, la qualificazione in Europa… Lui lavora sempre, non aspetta l’ultimo momento, lui è sempre sveglio per poter rispondere o ad una necessità o ad un futuro interessante per la Roma, lui lo fa tanto bene, sono tranquillo.

In trasferta non vincete da due mesi, è preoccupato?
Quando si gioca due volte con il Bayern possono succedere due sconfitte, poi se facciamo un bilancio su questo periodo è difficile che sia positivo, ma tranne del primo tempo a Napoli sono contento della mia squadra, domenica sarà il momento di dire che potrem ancora superare il girone, ma non è il momento di parlarne.

 De Sanctis?
So il suo futuro (ride, ndr). E’ un giocatore importante per noi, non solo per questa stagione.

Castan starà fuori sei mesi? Lo scambio Rabiot-Pjanic?
Non sono medico, non posso rispondere su Leo, ci sono professionisti che si occupano del caso. Io penso che lo dobbiamo lasciare tranquillo, ma adesso ha bisogno di tranquillità, è sereno, si allena con noi, non vede l’ora di risolvere il problema. Io non perdo il mio tempo a parlare di mercato, sono contento della mia rosa, vediamo con Sabatini se abbiamo bisogno di una correzione o di un’aggiunta di giocatori, se qualcuno deve andare a giocare, ma c’è tempo, siamo tranquilli, il mercato finisce a fine gennaio. La cosa che mi interessa è la squadra che domani andrà a giocare a Bergamo.

Quest’anno gli infortuni sono tanti, da cosa dipende? Solo sfortuna?
E’ anche sfortuna, non è che parlando tra di noi però diciamo che sia solo sfortuna, noi valutiamo tutto, ma non ci sono cose particolari da rilevare, non c’è sempre la stessa lesione. Ci sono tanti impegni e tante gare, è un circolo vizioso, quando mancano alcuni e giocano troppo dei giocatori in alcuni reparti si crea questo circolo. Già ora sono tornati diversi giocatori.

Questa settimana è cruciale per la stagione?
L’obiettivo è qualificarci per la Champions del prossimo anno, l’ambizione è vincere lo scudetto. Su questa cosa nessuna novità, avremo gare importanti prima di Natale, la prima è domani, la prossima è sempre la più importante, poi ci saranno gare di Champions tra gare di alto livello. Noi dobbiamo considerare che giocheremo sette finali in ventuno giorni, domani è la più importante.

Come si gestiscono i giocatori in nazionale? Qual è il modo migliore per mettere insieme gli interessi di club e nazionali?
Sono contento per Gervinho e Keita, a gennaio avremo questi due giocatori in meno, dobbiamo valutare anche questa cosa. Poi sugli stage e sui giocatori in nazionale non è un problema di oggi, è normale che il ct voglia i giocatori per un tempo più lungo, è normale anche che un allenatore di club non lavori col gruppo intero durante la sosta per dieci giorni su quattordici, per ora ci dobbiamo adattare alle regole, se cambia la regola faremo lo stesso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A