La Roma cede ma restano tre grandi nodi

Corriere dello Sport (R.Maida) – L’abbondanza di centrocampisti ha frenato l’ultimo acquisto. La Roma ha cercato fino alla fine una sistemazione per Diawara e Villar, ma non c’è stato verso. Anche Nzonzi per il momento rimane a libro paga. Le ipotesi di rafforzamento si sono scontrare contro l’affollamento. Tiago Pinto spiegherà oggi pomeriggio tutte le operazioni di mercato che sono andate avanti fino a tarda serata con Olsen piazzato allo Sheffield in prestito gratuito con bonus legati alle presenze e diritto di riscatto. La cessione di Santon al Fulham, invece, non è andata in porto per il rifiuto del giocatore. L’ultima giornata è servita anche per sistemare qualche giovane: Ciervo si trasferisce alla Sampdoria, Bamba va in Portogallo, Bouah al Teramo mentre Evangelisti finisce all’Empoli.

Resta la sensazione di un mercato molto interessante con circa 75 milioni di soli cartellini spesi dai Friedkin. Tutto non si poteva fare per questioni di equilibri finanziari e di numeri dell’organico, ma Mourinho è stato rassicurato: la proprietà non avrà remore a intervenire nella sessione invernale se sarà necessario. Mancano un regista e un vice Karsdorp. La Roma intanto esclude il reintegro di Santon come quelli di Fazio e Nzonzi: resteranno in dispate a meno che non accettino proposte di mercati periferici. E’ rimasto anche Riccardivittima” di uno stipendo da 500mila euro all’anno.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti