Il Tornatora

La prima di un “rinnovato” Dzeko tra nuovi sorrisi e il caro amico gol

di Redazione

Il nuovo Dzeko appare molto simile a quello vecchio. Stessa maglietta numero 9 della Roma sulle spalle, come domenica scorsa contro il Real Madrid, quando sembrava che Edin fosse arrivato al capolinea della sua avventura nella Capitale. Il nuovo Dzeko però sembra avere una nuova luce negli occhi. E tutto un altro sorriso. Merito dell’autografo sul contratto che lo legherà alla Roma fino al 2022? Come non pensarlo, perché, si sa, a pancia piena si sta meglio. Edin rappresenta, deve rappresentare in assoluto un punto fermo, dominante della squadra di Paulo Fonseca, che si è speso in tutte le lingue per convincerlo a fare quell’autografo milionario. Ieri ci si poteva aspettare forse qualcosa di più e da lui e dalla Roma contro l’Arezzo, ma nessuno deve pensare che i giallorossi abbiano risolto tutti i loro problemi con il rinnovo del bosniaco. Uno sì, gli altri – quasi tutti nella fase di non possesso – devono essere ancora cancellati. E in fretta. Lo scrive Il Messaggero.