Insigne: “Totti voleva essere il mio agente, ma ho rifiutato”

La spiegazione dell'attaccante del Napoli dopo la corte dell'ex dirigente della Roma

di Redazione

Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli, è stato intervistato dal Corriere della Sera ed è tornato a parlare di quella indiscrezione che voleva Totti come suo agente. Il Capitano azzurro ha rivelato che alla fine è stato lui a rifiutare la corte dell’ex dirigente della Roma. Queste sono le sue parole:

Del Piero, a lui mi ispiravo da ragazzino: il tiro a giro nasce guardando e riguardando le sue perle. Totti mi inviò un messaggio per diventare il mio agente. Gli dissi serenamente che avrei fatto altre scelte. Non c’entra il calcio né, come ho sentito dire, perché con lui dovevo andar via da Napoli. È stata una decisione personale“.