Il Tornatora

Il progetto Tor di Valle: più treni e meno ingorghi le condizioni per lo stadio

di Redazione

I professori del Politecnico di Torino, chiamati in causa da Raggi per avere conforto dopo l’inchiesta su Parnasi, diranno che il progetto Tor di Valle può andare avanti, anche se diverse variazioni andranno necessariamente apportate, per evitare che la circolazione di auto e scooter finisca paralizzata o quasi. Lo stesso pensa la Regione Lazio, che già ieri faceva trapelare: daremo il permesso a costruire solo se tutti gli adeguamenti su viabilità e trasporti saranno osservati alla lettera dai privati. Significa modificare non poco il progetto licenziato a dicembre 2017 dalla Conferenza dei servizi. Stamattina davanti a telecamere e taccuini, accanto a Raggi, ci sarà anche Bruno Della Chiara, il professore del Dipartimento Trasporti dell’ateneo sabaudo che ha firmato lo studio. Spiegherà lui il parto travagliato del parere, facendo luce sulle tante zone d’ombra del progetto. Andrà potenziata la malandata Roma-Lido, una delle peggiori ferrovie d’Italia secondo le classifiche del settore. Il problema è: chi ci mette i soldi? In Campidoglio dicono che spetti alla Regione, dove effettivamente sono stati stanziati 180 milioni. Lo scrive Il Messaggero.